Spagna, proteste: “Non sono sfratti ma omicidi”. Verso una legge meno dura?

Condividi

 

spagna13 febbr – Ancora manifestazioni di piazza in Spagna contro i pignoramenti delle case e contro le banche, giudicate responsabili della crisi e del disagio sociale che spinge al suicidio.

“Non sono sfratti ma omicidi” dicono i cartelli dei dimostranti.

E intanto la piattoforma “Stop a los Desahucios”,
organizzata dalle vittime degli sgomberi, porta a casa una prima vittoria: i deputati hanno accettato martedì di esaminare una proposta di legge con regole meno oppressive, un’iniziativa popolare forte di quasi un milione e mezzo di firme.

Esultano gl iattivisti per i lrisultato ottenuto grazie all’appoggio a sorpresa della destra maggioritaria, che pur avendo congelato gli sfratti per due anni per i casi più gravi, si oppone all’annullamento dei debiti.

Nelle stesse ore, un’anziana coppia di pensionatisi è tolta la vita a Palma di Majorca, dopo aver ricevuto l’avviso di sfratto per insolvenza del mutuo. EURONEWS

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -