Tunisia, i ministri laici si dimettono

foto ansa

foto ansa

10 febbr – I tre ministri che rappresentavano il Congresso per la Repubblica nell’esecutivo tunisino guidato da Hamadi Jebali usciranno dal governo a maggioranza islamica. Le dimissioni, riferiscono fonti concordanti, sono state già presentate. Il CpR è il partito laico guidato da Moncef Marzouki, presidente della Repubblica, già ripetutamente espressosi contro la proposta di Jebali di varare un governo composto solo da tecnici.

La presenza della moglie Bassma e delle due figlie di Chokri Belaid ai funerali dell’esponente politico assassinato, nonostante il Corano lo vieti non consentendo alle donne di partecipare al rito dell’inumazione, ha scatenato in Tunisia una violentissima polemica politica tra il Ministero degli Affari religiosi ed Hamma Hammami, leader del Fronte popolare, di cui l’ucciso era un esponente.

In una nota, in cui stigmatizzava gli incidenti nel corso dei funerali, il ministero ha parlato di palesi violazioni delle prescrizione, riferendosi al fatto che la vedova e le figlie di Belaid abbiano partecipato all’inumazione. Prescrizione che è limitata solo all’inumazione e che decade a partire dall’indomani del rito.

Hammami, che oltre ad essere compagno di partito di Belaid era un suo amico da moltissimi anni, rivolgendosi al ministro degli Affari religiosi, Noureddine Khademi, che ha ispirato la nota, gli chiede polemicamente se la sua indignazione è stata provocata dal fatto che “una figlia ha assistito ai funerali del padre, che una sorella abbia partecipato ai funerali del fratello.

Signor ministro, è stato più sconvolgente vedere delle donne al cimitero che non il fatto che è stato assassinato un essere umano, che gli scontri al cimitero o le minacce di profanare il cadavere?”. “Noi – ha aggiunto Hammami – non abbiamo sentito la voce del signor Ministro quando più di 40 mausolei, contenenti degli esemplari del Corano, sono stati incendiati. Non abbiamo sentito la sua voce quando le tombe dei Santi sono state profanate e i loro cadaveri esumati. E noi non l’abbiamo sentita quando gli imam minacciavano di uccidere Chokri Belaïd e Amed Néjib Chebbi”. Quest’ultimo, venerdì sera, mentre stava tornando a casa dopo avere assistito ai funerali di Belaid, è sfuggito – grazie alla sua scorta – ad un tentativo di aggressione da parte di salafiti.

Intanto la famiglia di Chokri Belaid, il segretario generale del Partito dei Patrioti democratici, assassinato a Tunisi in un agguato mercoledì mattina, ha deciso di ricorrere alla giustizia internazionale non ritenendo quella tunisina in questo momento “degna di fiducia”. L’annuncio è stato dato ieri sera, nel corso di una trasmissione su Nessma Tv, dall’avvocato Abdennaceur Laaouini, che fa parte del collegio nominato dalla moglie di Belaid, Bassma, per tutelare gli interessi suoi e dei due figli. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -