Si discute sul bilancio UE, l’Italia ci rimette altri 4 miliardi

perdite

BRUXELLES, 8 FEB – Dopo una notte passata a limare continuamente la sua bozza di compromesso sul bilancio 2014-2020, il presidente Van Rompuy presenta le sue cifre ai leader dei 27 alle 6.30 del mattino: il tetto complessivo di spesa e’ 960 miliardi di euro per gli impegni e 908,4 per i pagamenti effettivi. Rispetto alla proposta di novembre scorso (971 miliardi di impegni), il fiammingo ha tagliato via oltre 10 miliardi. Sarebbe la prima volta nella storia che la Ue diminuisce il suo bilancio, ma secondo molti si tratta di un compromesso al ribasso perche’ si rinuncia alla crescita e le cifre globali sono tutte diminuite. La trattativa quindi prosegue anche oggi.

Per l’Italia ci sono comunque novita’ interessanti: il suo saldo netto migliora di 500 milioni di euro all’anno, e passa cosi’ da un saldo netto negativo di 4,5 miliardi nel periodo 2007-2011 a un saldo negativo di 4 miliardi per il settennato 2014-2020. Inoltre guadagna 1,5 miliardi di euro per le regioni meno sviluppate, grazie a dei fondi ad hoc stanziati per i Paesi piu’ colpiti dalla crisi.

Ma la crescita resta il capitolo dove si concentrano maggiormente i tagli: infrastrutture, innovazione e ricerca vengono ulteriormente tagliati di 13,84 miliardi. Nella bozza vengono infatti stanziati 125,69 miliardi, nel fallito vertice di novembre erano 139,54 mld (164,31 mld nella proposta della Commissione). Scure anche sull’amministrazione di un altro miliardo di euro rispetto a novembre, e quasi due miliardi in meno per gli affari esteri, ovvero portafoglio Ashton.

Crescono invece di 4,659 miliardi i fondi per la coesione ‘economica, sociale e territoriale’, e aumentano di 1,25 miliardi di euro i fondi per la politica agricola comune. I capitoli di spesa ‘tradizionali’ vengono quindi tutti preservati, e i tagli si concentrano sulla spesa comune che non tocca ‘buste nazionali’ e quindi interessi particolari.

La tanto attesa iniziativa contro la disoccupazione giovanile di Van Rompuy viene finanziata con circa sei miliardi di euro, a cui potranno accedere i Paesi dove il tasso di disoccupazione giovanile supera il 25%, quindi Italia compresa. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -