Seconda Lettera Aperta a Mario Monti o “L’Apoteosi dell’Ipocrisia”

MONTI-GOLDMAN

MARIO MONTI:  “VIA I PARTITI DALLE BANCHE”

D’accordo ma dal Governo?
Ricordo che il 16 novembre del 2011 quando lei giurò sulla Costituzione di seguire l’esclusivo interesse nazionale dell’Italia faceva parte a tutti gli effetti del direttivo della più grande banca d’affari al mondo, la Goldman Sachs  che ha contribuito a mettere in ginocchio l’economia greca, che era nel direttivo di una delle più grandi agenzie di rating, Moody’s in qualità di Senior european advisory board, quando questa bollava l’Italia come “Paese a rischio”.

Ricordo che da quella denuncia l’inchiesta si allargò a Fitch e a Standard & Poor’s ed i giudizi di questa Triade (sostanzialmente in mano all’FMI) hanno contribuito a far precipitare la situazione politica fino alle dimissioni di Silvio Berlusconi da Palazzo Chigi. Guarda caso, sei mesi dopo l’attacco di Moody’s & Co, lei diventava premier. Non dimentichiamo comunque che sempre quel 16 novembre 2011 lei era ancora nel direttivo del Gruppo Bilderberg, così come era ancora Presidente europeo della Commissione Trilaterale.

Imposimato: “Il Gruppo Bilderberg dietro alle stragi di Stato italiane”

Vietato dire la verità su Monti? Ecco il documento della Trilaterale

Queste sono le istituzioni che rappresentano i poteri finanziari forti che hanno causato la speculazione finanziaria sui titoli derivati che ha prodotto un ammontare di suddetti titoli, stimati nel 2011 a 787mila miliardi di dollari. Una cifra che corrisponde a 12 volte il valore del Pil, del prodotto interno lordo di tutti i Paesi del mondo messi insieme.

Il che significa che oggi c’è la necessità, da parte di chi ha perpetrato questo crimine finanziario, cioè i suoi amichetti (e lei a fare da palo), di riciclare questo denaro virtuale – furono chiamati titoli spazzatura, quando il 15 settembre del 2008 ci fu il crack della Lehman Brothers – per renderlo vero, per dargli un valore. Però per  poter fare ciò  bisognava occupare l’economia reale. E per arrivare a  fare questo bisognava occupare i governi degli Stati.

Lei, Monti Mario da Varese, miserabile contabile della speculazione internazionale, comandante e kapò insieme del campo di concentramento economico Italia altro non è quindi che il garante (anzi, la testa di legno) per  chi deve riciclare i titoli derivati, i titoli spazzatura, affinché si trasformino in beni reali e in servizi prodotti dal mondo delle imprese, lei è il responsabile diretto del perché le nostre imprese oggi sono diminuite di 146.000 (centoquarantaseimila!!!) unità e le rimanenti sono allo stremo, e del  perché di conseguenza gli italiani sono sempre più disoccupati e sempre più poveri. È per questo che io l’ho denunciata, è per questo che centinaia di altri italiani veri l’hanno denunciata, poiché ancora dotati di una coscienza civile e un senso di giustizia.

L’abbiamo denunciata perché oltre le palesi violazioni agli artt.  Lei, che per incompetenza totale o per malafede altrettanto totale ha provato per mesi a convincere l’Italia che il modello tedesco, quello del rigore, quello della sua collega truffatrice Merkel era quello da seguire per salvarci, dal baratro… si dal baratro disse. Bene sveliamo un po’ i retroscena di questo bel modello da seguire, vediamo a cosa ha portato e a cosa potrà portare, grazie a una minuziosa ricostruzione di Stefano Fait (http://www.informarexresistere.fr/2013/01/29/quando-i-tedeschi-capiranno-che-la-merkel-li-ha-truffati/#axzz2JVBXafpe ):
La produzione industriale tedesca nel mese di dicembre 2012 ha evidenziato un calo congiunturale pari allo 0,3%.

http://www.borse.it/articolo/ultime/Germania_produzione_industriale_inferiore_alle_attese_degli_analisti_387840

Ci sarà una nuova frenata del prodotto interno lordo tedesco nel 2013.

http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Economia/Germania-taglia-stime-Pil-2013-2014/16-01-2013/1-A_004458030.shtml

—————-

Nel mese di dicembre, c’erano 2,8 milioni di persone registrate come disoccupate, 88.000 in più rispetto a novembre.

“Nel settembre 2010 7.300.000 tedeschi, cioè a dire un dipendente su cinque, erano relegati nel girone dei “mini-job” – un aumento di 1,6 milioni rispetto al 2003. Il numero di lavoratori che accettavano “mini-jobs” in aggiunta all’impiego principale per far quadrare i conti è quasi raddoppiato da 1,3 milioni nel 2003 a 2,4 milioni nel 2010. Circa due terzi di questi “mini-cottimisti” sono donne.
[…].
Dei 41 milioni impiegati nel 2011, poco più di 29.000.000 avevano un lavoro regolare, mentre il resto era costituito da lavoratori autonomi o in “mini-jobs”. I salari reali sono rimasti stazionari dal 1990 e diminuiti del 2,9% tra il 2004 e il 2011. Il numero di lavoratori poveri è in crescita e la disuguaglianza nei redditi sta crescendo più rapidamente in Germania che in qualsiasi altra economia occidentale.
[…].
Né la crescita del PIL tedesco nel primo decennio del secolo conferma la convinzione che la deregolamentazione del mercato del lavoro è la chiave per la crescita. Con il secondo tasso di crescita più basso (di circa il 1,7%) nella zona euro tra il 1999 e il 2008, non c’è davvero molto da dire di positivo sul famoso modello economico tedesco”.
http://www.guardian.co.uk/commentisfree/2012/aug/21/mini-jobs-germany-britain

—————-

Nel 2000 l’economia tedesca è stata salvata da un gigantesco bail-out da parte della Banca Centrale Europea, in seguito all’esplosione della bolla speculativa precedente, quella della cosiddetta “New Economy” (cf. Richard Koo, capo-economista dell’Istituto di Ricerca Nomura, la più grande agenzia di consulenza giapponese nel settore IT, intervistato da Joe Weisenthal, Business Insider, 19 giugno 2012).

—————-

La Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) ha certificato che la Germania e la Grecia hanno ricevuto lo stesso sostegno finanziario nel corso della crisi, almeno fino al 2012:

Nei milioni di parole scritte sulla crisi del debito in Europa, la Germania è in genere presentata come l’adulto responsabile e la Grecia come il figliol prodigo. La prudente Germania, dice la storia, è riluttante a salvare la Grecia scroccona, che ha preso in prestito più di quanto poteva permettersi e ora deve subire le conseguenze. Vi sorprenderebbe sapere che in Europa i contribuenti hanno fornito alla Germania lo stesso sostegno finanziario offerto alla Grecia? Lo suggerisce un esame dei flussi monetari Europei e dei bilanci delle banche centrali

Bloomberg, “Hey, Germany: You Got a Bailout, Too”, 24 maggio 2012).

—————-

Nessuno ha raccontato ai tedeschi che molte delle misure adottate sinora non servivano per salvare i “fannulloni” greci o spagnoli ma per salvare i sistemi bancari tedesco e francese (che detenevano molti titoli di questi paesi, ndr). Molti dei finanziamenti alla Grecia non sono mai arrivati ad Atene, hanno semplicemente fatto un giro da Francoforte a Francoforte.

Giovanni Dosi, economista della Scuola Superiore Sant’Anna e collaboratore del premio Nobel Joseph Stiglitz alla Columbia University, 28 luglio 2012

—————-

Il capitale di Deutsche Bank ammonta a poco meno del 2,5% rispetto agli assets della banca. Che è come dire che perdite del 3% sul totale del portafoglio della banca sarebbero più che sufficienti ad azzerare il capitale della banca. Ossia a farla fallire. Né più né meno di quanto è successo a Lehman Brothers, la banca d’affari americana fallita nel 2008.

http://versounmondonuovo.wordpress.com/2012/10/09/la-morte-delle-cicale-che-si-spacciavano-per-formiche-deutsche-bank-agonizzante/

—————-

“Sfruttando gli alti livelli di disoccupazione (8%-10%) e la minaccia di licenziamenti e delocalizzazione delle imprese, il governo mette a punto un piano di liberalizzazione sfrenata dei contratti di lavoro e riduzione delle tutele sindacali: dal 2003 al 2009 i salari reali dei lavoratori tedeschi corretti all’andamento dell’inflazione e al costo medio della vita scendono del -6% (guarda grafico sotto, dove i salari italiani rimangano stabili mentre quelli tedeschi scendono proprio in concomitanza con l’introduzione dell’euro nel 2002).
[…].
un’altra stupidaggine che viene spesso ripetuta da politici ed economisti di regime (ribadiamo sia di destra che di sinistra che di centro, per par conditio) è che la Germania ha potuto creare questi enormi surplus delle esportazioni perché è riuscita a penetrare nei mercati dei paesi emergenti BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) e in Cina in particolare. Ma se esaminiamo la tabella sotto vediamo che la situazione è ben diversa da ciò che ci raccontano: dal 1999 al 2007 il maggiore incremento delle esportazioni di beni è avvenuto verso i paesi europei (66%, di cui il 32% solo nei paesi PIIGS), mentre il saldo fra esportazioni e importazioni nei paesi BRICS è diminuito del -2% (di cui il -8% per la Cina, che esporta in Germania più di quello che importa).
[…]
A differenza invece della Cina, che è una vera locomotiva per la sua area perché risulta quasi sempre in deficit commerciale con i paesi limitrofi e accumula i suoi enormi surplus con il resto del mondo, facendo da volano per un intero continente: quindi paragonare la Germania alla Cina è fuorviante e sbagliato, perchè la Cina consente lo sviluppo delle economie dei paesi confinanti e non li soffoca o li indebita come ha fatto la Germania in tutti questi anni con i paesi della periferia europea”.

http://vocidallestero.blogspot.it/2012/02/la-germania-non-e-mai-stata-la.html

—————-

“La Germania ha un indice di Gini (misura la distribuzione del reddito in una scala da 0 -massima distribuzione- a 1 -massima concentrazione-, ndr) tra i più alti del mondo: 0,8. Un Paese sull’orlo dell’esplosione sociale, dove a 5 milioni di persone sono corrisposti 500 euro al mese per 15 ore di lavoro la settimana, e il 22% dei lavoratori dipendenti, soprattutto operai, riceve meno della metà del salario mediano…Il fatto straordinario è che le banche oggi hanno convinto i governi che andavano salvate per la seconda volta. In meno di tre anni il debito pubblico europeo è aumentato del 20%. A partire dal 2008 si sono dissanguati i bilanci pubblici per salvare le banche. I tedeschi si sono trovati con miliardi di debiti. L’istituto Hypo Re è costata ai tedeschi 142 miliardi di euro: troppo grande per fallire, avrebbe trascinato con sé milioni di piccoli risparmiatori”.

http://www.altreconomia.it/site/fr_contenuto_stampa.php?intId=3667

—————-

“…a fine novembre la stampa tedesca ha svelato che il Governo aveva grossolanamente truccato la versione definitiva dello «Studio sulla ricchezza e la povertà», una pubblicazione ricorrente del ministero del Lavoro. La prima bozza del documento denunciava senza mezzi termini i «rischi sociali» di una «ricchezza privata ripartita in modo iniquo», all’interno di una situazione in cui i salari alti continuano a crescere mentre quelli bassi si abbassano. Tutti questi dettagli sono scomparsi nella versione definitiva, secondo una procedura definita come «prassi» dal portavoce della cancelliera Ángela Merkel. Stando ai dati contenuti nel documento, il 10% della popolazione tedesca possedeva nel 2008 il 53% del ricchezza nazionale netta, mentre dieci anni prima la percentuale era solo del 45 per cento. La metà dei tedeschi possiede invece appena l’1% del patrimonio nazionale. La ricerca evidenzia che tra il 2007 e il 2012 il patrimonio complessivo dei tedeschi è cresciuto di 1.400 miliardi di euro, ma dietro questa cifra si nasconde «una ripartizione molto disuguale». Particolarmente sbilanciata risulta essere l’evoluzione dei salari: mentre per quelli più alti si è riscontrata «una tendenza positiva di crescita», per il 40% dei tedeschi al netto dell’inflazione si è constatato un arretramento. «Una tendenza del genere dei redditi è contraria al senso di giustizia sociale della popolazione», secondo quanto denunciava la bozza originale dello studio”.

http://www.linkiesta.it/germania-poverta#ixzz2HyWFcPml

—————-

Mentre tutti gli occhi erano puntati sulla periferia dell’eurozona, i paesi centrali hanno subito un tracollo? La Bundesbank ha ridotto le sue previsioni per la crescita del PIL tedesco nel 2013 allo 0,4%, mentre la Banca Centrale dei Paesi Bassi prevede per quest’anno una contrazione del PIL olandese pari allo 0,5% e un’ulteriore contrazione nel 2014.  Sembra quindi che la crisi dell’eurozona stia entrando nel terzo stadio (Ashoka Mody, già capo missione del FMI in Germania e Irlanda).

http://keynesblog.com/2013/01/18/il-terzo-stadio-della-crisi-europea-ora-tocca-anche-alla-germania/#more-3004

—————-

Un tedesco su cinque si trova in una situazione di povertà o esclusione sociale; il ceto medio è in continua contrazione (verso il basso); scarsa mobilità sociale verso l’alto; boom immobiliare da panico finanziario che si risolverà inevitabilmente in un bolla devastante (come negli USA, in Spagna o in Cina); dumping salariale con minijobs e midjobs pagati una miseria che deprimono i consumi interni (la Germania, con il 22,2 % ha la quota più alta di lavoratori con un basso salario di tutta l’Europa occidentale); disoccupazione prevista in crescita; pensionati che emigrano in massa verso i paesi PIIGS (colmo dell’ironia!!!) perché non si possono permettere di vivere decentemente in patria; un sistema bancario estremamente esposto con un governo che cerca in tutti i modi di evitare che si scoperchi il marcio nascosto nelle Sparkassen, Landesbanken e Volksbanken; una politica europea arrogante e spietata che si sta ritorcendo contro le sue esportazioni.

fonte: http://vocidallagermania.blogspot.it/

—————-

La crisi Euro per la Cancelliera rappresenta una possibilità, limitata nel tempo, durante la quale i nostri vicini di casa saranno disponibili a fare le riforme. C’è da meravigliarsi se Merkel si è opposta ai tentativi di disinnescare l’Eurocrisi attraverso una politica attiva della BCE? No, la strategia di Merkel è quella che Naomi Klein chiamerebbe Shock Doctrine – l’uso di una crisi per far passare riforme che non sono volute né dai parlamenti né dal popolo. A Davos su questo punto si è espressa in maniera ancora piu’ chiara:

“L’esperienza politica ci dice che spesso per ottenere riforme strutturali è necessario esercitare pressione. Ad esempio anche in Germania i disoccupati sono dovuti arrivare fino a 5 milioni, prima di ottenere la disponibilità all’attuazione delle riforme strutturali. La mia conclusione è questa: se l’Europa oggi è in una situazione difficile, è necessario introdurre riforme strutturali, affinché domani si possa vivere meglio”.

Se Angela Merkel e il suo pubblico a Davos potranno vivere meglio con le loro “riforme strutturali”, resta una questione aperta. Milioni di tedeschi, che vivono di Hartz IV oppure sono occupati con un basso salario (Niedriglohnsektor),  vedono la questione in maniera diversa. Se si considera l’effetto negativo del settore a basso salario sulla struttura salariale complessiva, si puo’ dire che le riforme hanno avuto un solo risultato: a pochissimi oggi va molto meglio, e a tantissimi oggi va molto peggio. I rappresentanti di questa grande maggioranza purtroppo non erano presenti a Davos. Quale ironia della storia, il predecessore di Merkel,  Schröder, aveva candidamente presentato 8 anni prima le motivazioni delle sue riforme strutturali esattamente nello stesso luogo:

“Dobbiamo e abbiamo già liberalizzato il nostro mercato del lavoro. Abbiamo dato vita ad uno dei migliori settori a bassa salario in Europa”. Gerhard Schröder durante il suo discorso del 28.01.2005 al World Economic Forum di Davos.

Schröder puo’ essere orgoglioso del suo successore e della sua sorella nello spirito. Quello che Schröder ha applicato in Germania, sarà applicato da Merkel in tutta Europa:

“Come possiamo essere sicuri di poter raggiungere nei prossimi anni una coerenza in termini di competitività anche all’interno dell’Unione monetaria? E a tale proposito non considero un livello di competitività medio, piuttosto una competitività misurata dal fatto che avremo accesso ai mercati mondiali (…) Io immagino – e di questo stiamo parlando nell’Unione Europea – che sottoscriveremo un patto analogo al Fiskalpakt, con il quale gli stati membri si impegneranno ad aumentare il proprio livello di competitività su determinati punti che in questi paesi non raggiungono un livello sufficiente. Si tratterà di temi come il cuneo fiscale, il costo del lavoro per unità di prodotto, le spese per la ricerca, le infrastrutture e l’efficienza amministrativa”.

L’Europa dovrà quindi seguire il modello tedesco, tagliare lo stato sociale e comprimere il costo del lavoro. L’Europa perde quindi credibilità in quanto mercato e sceglie invece di impegnarsi in una competizione sui salari con i paesi in via di sviluppo [FOLLIA!, NdR]. La cancelliera ha inoltre chiarito che cosa intende per armonizzazione a livello europeo dei costi del lavoro per unità di prodotto.  La Germania, secondo il messaggio di Merkel, avrebbe fatto tutto bene. Cosi la Cancelleria di Berlino ha pubblicato in rete il discorso di Merkel con il titolo provocatorio: “I migliori come esempio”. Quindi siamo i migliori, eh sì.
[…].
Per raggiungere i suoi obiettivi, procede mano nella mano con la Commissione Europea. Qualcuno si meraviglia che gli europei siano stanchi di questa Europa? Un Europa che serva solo a limitare la democrazia, la sovranità e la partecipazione degli europei non ha futuro e nessuna ragione di esistere. Se gli europei vogliono salvare l’Europa e il pensiero europeo, devono liberarsi da questo abuso.  Devono sfidare Merkel. E’ arrivato il momento, nonostante tutto!

http://vocidallagermania.blogspot.it/2013/01/i-migliori-come-esempio-angelina-davos.html

—————-

Lei, Monti Mario da Varese, un nome che verrà raccontato nei libri di Storia (se riusciranno a scriverli le persone giuste, o che verrà tramandato oralmente se i libri saranno opera dei suoi complici) come IL TRADITORE per eccellenza dell’Italia, colui che ha ABOLITO lo Stato Italiano definitivamente. Lei andrebbe esiliato, altro che presentato alle elezioni, andrebbe portato il più lontano possibile, insieme a tutta la sua genìa perversa di mangiasoldi a spese del prossimo (suo figlio Giovanni in testa, altra “testa di legno” in Morgan & Stanley e poi in Parmalat, assunto grazie all’amico Bondi, poi ringraziato con un posto di commissario per la spending review) a spaccare pietre e mangiare pane e acqua, come si faceva una volta.

Che schifo mi fa ogni volta scrivere di lei!

E purtroppo mi tocca perché gli italiani mica hanno ancora capito bene a che razza di abominio si trovano di fronte quando la vedono o la sentono.

PS: COME MAI OGNI COMMENTO ED OGNI POST SULLA SUA PAGINA UFFICIALE DI FACEBOOK, ANCHE SE SCRITTI CON LINGUAGGIO CIVILE ED EDUCATO MA CHE ESPONGONO FATTI A LEI SCOMODI, O PONGONO QUESITI INTERESSANTI QUANTO IMBARAZZANTI SUL SUO GOVERNO E QUANTO GLI HA RUOTATO INTORNO VENGONO BANNATI NELL’ARCO DI CINQUE MINUTI AL MASSIMO? E’ QUESTA L’IDEA CHE LEI HA DELLA DEMOCRAZIA PER NOI? E’ IN QUESTO SENSO CHE VA LA “SCELTA CIVICA” CHE GLI ITALIANI SECONDO LEI DOVREBBERO FARE?
PER QUANTO MI RIGUARDA LA SALUTO CON UN’ESORTAZIONE TIPICA BRIANZOLA CHE QUINDI DOVREBBE CAPIRE BENE:

“MONTI, VAI, VAI… VAI A RANARE!”

di Stefano Davidson

Leggi la prima  Lettera aperta a Mario Monti – di Stefano Davidson



   

 

 

1 Commento per “Seconda Lettera Aperta a Mario Monti o “L’Apoteosi dell’Ipocrisia””

  1. Confermo la censura su Monti. Su RePubblico online avevo commentato paragonato Monti ad un mafioso che prima ti brucia l’azienda (Tasse) e poi ti ricatta (o il voto o lo spread sale). Bene, quel commento non è mai stato pubblicato.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -