Fini: “Nessuna possibilità di vittoria per Berlusconi e Lega”

fini

7 febbr – Il Cavaliere in corsia di sorpasso? ”Berlusconi ha messo la freccia a destra, nel senso che si ferma sulla corsia di emergenza. Non c’è possibilità alcuna per Berlusconi e la Lega di vincere queste elezioni. Gli italiani ricordano bene tante promesse non mantenute”. Così il presidente della Camera e leader di Fli, Gianfranco Fini, ospite di ‘Adnkronos Confronti’, a Palazzo dell’Informazione.

”Quando Berlusconi dice che Monti e Fini sono stati due delusioni, ci fa dei complimenti. Perché Berlusconi rimane deluso solo da chi non è pronto ad assecondare le sue richieste. Anche quelle che vanno respinte al mittente”, sostiene il leader di Fli rispondendo alle domande del direttore responsabile dell’agenzia Adnkronos Alessia Lautone e dal capo della redazione politica Giuseppe Leboffe.

Sulla proposta del Cavaliere di abolire l’Imu, dice: ”Il Pdl ha votato per l’introduzione dell’Imu. E questa controffensiva di Berlusconi, con promesse mirabolanti, è finalizzata soprattutto a far dimenticare agli italiani che se l’Imu c’è, non è dovuto al fatto che è stata imposta da Monti: è stata votata dal Parlamento, e l’ha votata anche il Popolo della Libertà”.

Alfano: Monti ha estorto con minaccia il voto del Parlamento su Imu

Tremonti: Monti sull’IMU ha detto una cosa falsa, sapendo che era falsa

In generale, secondo il leader di Fli, la pressione fiscale si può abbassare. Ma ”si può fare se si riesce a individuare la spesa pubblica improduttiva che può essere tagliata e si riesce in un arco di tempo medio-breve a far ripartire l’economia. Se si vogliono ridurre la tasse, bisogna o spendere di meno o aumentare la ricchezza”.

”Occorre nel futuro – spiega Fini- arrivare a politiche economiche e fiscali che nell’ambito dell’Unione europea siano il più omogenee possibili. Non dobbiamo tornare alla lira, come dice qualcuno. Accanto all’euro, che è già una sovranità condivisa, occorre avere altre materia condivise”.

Il presidente della Camera ritiene che non sarà una legislatura breve, ”sono convinto che la crisi economica sia talmente grande e la necessità di intervenire così urgente, da rendere impossibile tornare a votare dopo pochi mesi”. L’auspicio è che gli italiani – prosegue – siano coscienti che un paese come il nostro non si può permettere un voto che non sia finalizzato a garantire la governabilità”. Infatti, sottolinea il presidente di Fli, ”la protesta rischia di essere sterile. Sono ottimista sul fatto che quando si apriranno le urne, la maggioranza ci sarà. E mi auguro che sia la maggioranza che avrà nella coalizione guidata dal professor Monti un solido punto di riferimento”. E le riforme, evidenza, “si fanno con la più grande maggioranza possibile. Oppure c’è il rischio, che abbiamo già corso, di non farle”.

Esclude poi che i mercati possano influenzare le proposte politiche in campo: i mercati “prendono atto di quelle che sono le turbolenze e risentono di quelle che sono le condizioni del paese”.

Magdi Cristiano: Monti primo dittatore finanziario della Storia

Ricomincia il ricatto dei mercati. Threadneedle Investments: se vince Berlusconi venderemo i titoli di Stato italiani

Gli piacerebbe tornare ad avere un ruolo di governo? ”Al di là del ruolo che si può avere, e questo dipenderà dal voto degli elettori – afferma Fini -, occorre continuare un’azione finalizzata a difendere l’interesse nazionale”.

”Quando si dice che è questa una coalizione di centro -spiega il leader di Fli- si parla di etichette che lasciano il tempo che trovano. E’ indispensabile mettere insieme anche uomini che hanno cultura politiche diverse ma che vogliano però fare le riforme. E questo è un ruolo che si può avere anche senza essere necessariamente al governo”.

E sui sondaggi che danno Futuro e Libertà intorno all’1%, questo “lo vedremo il 25 e 26 – Sono più ottimista”, dice Fini. Che poi aggiunge: ”Come slogan della campagna elettorale abbiamo coniato l’espressione ‘Amare l’Italia ha un costo ma ne vale la pena’. Sono convinto che tanti elettori, non solo quelli che votavano Alleanza nazionale, abbiano apprezzato il mio atto di libertà e coerenza e se ne ricorderanno quando andranno a votare”.

Chi vede al Colle dopo Napolitano? “Ho già detto e confermo che auspico venga eletto un presidente di genere femnminile – specifica Fini -. Non penso però a questa o quella ipotesi, in qualsiasi schieramento ci sono donne che potrebbero onorare la più alta carica dello Stato”. E come presidente della Camera? ”Preferisco non fare nomi. Ce ne sono alcuni che circolano, ma dipenderà dal risultato elettorale. Non ce ne dimentichiamo”, sottolinea.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -