Anonymous colpisce ancora: violati i sistemi della Fed

Condividi

 

Anonymous

6 febbr – Anche la potente Federal Reserve, la banca centrale americana, ha dovuto gettare la spugna e ammettere: sono riusciti a penetrare nei nostri sistemi informatici. Nessuna funzione critica è stata violata, si sono affrettati ad aggiungere, e la “falla” è stata subito richiusa.

Magra consolazione, però, per quegli oltre 4 mila dirigenti bancari i cui dati personali – come indirizzi email e numeri di telefono – sono stati prelevati da un sito interno alla banca e pubblicati in rete.

Dietro l’attacco si nasconderebbero alcuni hacker legati al gruppo Anonymous, che da fine gennaio hanno cominciato a bersagliare i siti governativi americani. Una sorta di rappresaglia dopo il suicidio di Aaron Swartz, ragazzo prodigio del Web accusato dal governo del furto di documenti informatici. euronews

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -