Primavera islamica Egitto: uomo denudato e picchiato da polizia

Condividi

 

morsi_mb

2 febbr – Ci sono almeno quindici poliziotti tra le 54 persone rimaste ferite nei disordini di ieri in Egitto, dove migliaia di persone sono tornate a marciare nelle strade contro il presidente islamista Mohamed Morsi, rispondendo all’appello lanciato dal Fronte di Salvezza Nazionale, principale cartello delle opposizioni: lo hanno riferito fonti del ministero dell’Interno, secondo cui gli agenti lamentano lesioni da pallini da caccia, gli stessi da essi peraltro impiegati in piazza Tahrir al Cairo per disperdere la folla.

Negli scontri davanti al Palazzo Presidenziale di al-Ittihadiyah a Heliopolis, nella parte nord della capitale, ha perso la vita un giovane manifestante, identificato come il 23enne Mohammed Hussein Qarn.

Ue conferma: regalo di 5 mld di euro all’Egitto per la transizione democratica

A suscitare scandalo e’ stato tuttavia soprattutto un filmato trasmesso in diretta dalla televisione di Stato, nel quale si vedeva un uomo nudo pestato a sangue dalla polizia e trascinato di peso su un blindato: una scena che ha indignato l’opinione pubblica, memore dei sistemi in uso all’epoca del regime di Hosni Mubarak, cui Morsi sempre piu’ spesso e’ ormai paragonato. Il governo egiziano ha assicurato che sull’episodio sara’ aperta immediatamente un’inchiesta per “chiamare a risponderne” i responsabili. (AGI) .

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -