Magdi Allam (Ioamolitalia): via dalla UE e dalla schiavitù dell’euro

Condividi

 

magdi23 genn – Stop alla costruzione di nuove moschee, via dall’Unione europea e addio all’euro: si torna alla lira “partendo dal riscatto della sovranita’ monetaria”, tra i punti cardine del programma di ‘Io amo l’Italia’. Magdi Cristiano Allam punta alle politiche 2013 e si presenta alle urne candidato presidente. Con lui, “700 candidati in tutta Italia – spiega all’Adnkronos – vogliamo essere un’alternativa alla partitocrazia che ha mercificato il potere, alla dittatura finanziaria di Mario Monti che sta distruggendo l’economia reale, alla demagogia populista di Grillo e alla rassegnazione che porta la maggioranza degli italiani a boicottare le urne”.

Niente apparentamenti per la lista capitanata da Allam. “Ma siamo fiduciosi: riusciremo a superare la soglia di sbarramento del 4% e ad avere 25 parlamentari alla Camera”, afferma sicuro. E a Palazzo Madama? “Nel nostro Statuto vogliamo l’abolizione del Senato. Noi siamo contro il bicameralismo perfetto, e’ un’idiozia”, taglia corto.

Nel mirino dell’europarlamentare c’e’ Mario Monti e l’operato del suo governo. “Noi – spiega – ribadiamo la centralita’ della persona anziche’ della moneta, della famiglia e non delle banche, della comunita’ locale anziche’ dei mercati. Per questo, vogliamo partire dal riscatto della sovranita’ monetaria, riconoscendo il diritto dello Stato di emettere direttamente moneta a credito affrancandosi dalla schiavitu’ dell’euro”. E “il crimine che sta perpetrando Monti – accusa – e’ quello di trasformare uno Stato ricco in una popolazione povera”. Mentre la priorita’ deve essere “fornire una risposta ai problemi reali e urgenti degli italiani, partendo dal tema dell’occupazione”. Altro cavallo di battaglia della lista ‘Io amo l’Italia’, “la salvaguardia dei nostri valori e della nostra identita'”. adnk

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -