Monti: in 13 mesi ripristinata la reputazione dell’Italia

montis16 genn – Nel novembre del 2011 l’Italia rischiava di “andare a fondo”, ma “in 13 mesi abbiamo messo sotto controllo la dinamica della finanza pubblica e in tempi più brevi del previsto la reputazione dell’Italia come Paese attendibile, finanziariamente e più in generale, è stata ripristinata”. Lo ha sottolineato il premier Mario MOnti, intervenendo all’Ice.

Affamati scavano tra gli scarti dei market

Disastro Monti, Inps: nel 2012 cassa integrazione aumentata del 12,1%

Un anno di “Governo Monti”: i dati piu’ eclatanti del disastro

Quando il governo si è insediato, “abbiamo trovato due squilibri sul quadro macroeconomico che rischiavano di portare a fondo il Paese. Il primo era l’eccessivo livello del debito pubblico che insieme alla crisi di fiducia portava il Paese verso una situazione finanziariamente insostenibile.

Governo Monti: Bankitalia: nuovo massimo storico del debito pubblico italiano

E il Governo ha dedicato molti sforzi a questo squilibrio riportando sotto controllo la dinamica della finanza pubblica con sacrifici pesanti per cittadini e imprese”. Il secondo era la bilancia commerciale: “Abbiamo perso negli ultimi 10 anni quasi il 30% della quota di di commercio dei beni sia in valore che in volume. Ci rendiamo conto? Sono dati particolarmente gravi per un Paese come il nostro basato sull’industria manifatturiera che è il vanto dell’Italia. Un Paese che “ha nell’export un carburante insostituibile nel motore dell’economia italiana. Se non fosse per export saremmo in condizione delicata nei confronti degli altri Paesi”. tmnews



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -