D’Alema: no all’autosufficienza Pd. Fare asse con i moderati

dalema15 gen – Massimo D’Alema ribadisce di ”non essere un teorico dell’autosufficienza del Pd” e parla della necessita’ da parte del suo partito di ”costruire un asse con i moderati per il governo del paese”.

 

Alain Parguez: ecco i politici italiani al soldo delle élites tecnocratiche
“il peggiore di tutti”, l’ex premier Massimo D’Alema, grande amico personale del banchiere tecnocrate Jaques Attali che una volta ha dichiarato: “ma cosa credeva la plebaglia europea, che l’Euro sia stato creato per la loro felicità ?”

D’Alema interviene della presentazione del proprio libro ‘Controccorrente’ e sostiene che la ”premessa per una nuova prospettiva politica e per un ruolo del terzo polo e’ che le elezioni le vinca il partito democratico. La premessa – continua – e’ che si possa costruire un asse per il governo del paese”. Insomma, ancora parole di D’Alema, deve essere sancito ”un patto di medio-lungo periodo tra progressisti e moderati”. Laddove per moderati – ”un termine che non mi piace, che indica generalmente chiuque sia contro la sinistra” – si intendano ”nel senso della moderazione e non della conservazione”.

Un asse di governo che affronti i problemi sorti in questi anni e che porti il Paese a quelle riforme istituzionali necessarie. Le riforme, spiega, non sono frutto di scelte personalistiche, ”di una persona sola” ma ”sono un processo sociale”. asca



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -