Arabia saudita: attivista condannato a 5 anni di prigione e 300 frustate

Condividi

 

Ahmed al-Gizawi

Ahmed al-Gizawi

15 gen – Un avvocato egiziano e attivista per i diritti umani e’ stato condannato a 5 anni di prigione e 300 frustate dalla giustizia saudita con l’accusa di traffico di stupefacenti, riaprendo la tensione tra il Cairo e Riyadh sulla questione. Ahmed al-Gizawi era stato infatti arrestato lo scorso Aprile presso l’aereoporto di Jeddah. All’epoca del suo arresto la procura saudita aveva chiesto la pena capitale, sostenedo che l’attivista avrebbe contrabbandato oltre 21.380 capsule del farmaco antidepressivo Xanax. Le proteste che seguirono all’arresto di al-Gizawi avevano provocato la chisura dell’ambasciata saudita.

L’Arabic Network for Human Rights Information non ha mai smesso di sottolineare i risvolti politici di questo caso: l’avvocato era gia’ stato condannato in contumacia ad un anno di reclusione e 20 frustate per aver criticato il governo dell’Arabia Saudita; sarebbe un perseguitato delle autorita’ saudite per il suo attivismo nei confronti di molti egiziani detenuti nel paese. asca

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -