Ministero istruzione: “favorire a scuola approfondimento della cultura islamica”

Condividi

 

Promuovere “l’interculturalità, l’educazione interreligiosa, l’integrazione degli alunni musulmani”, ma anche “favorire nelle scuole un sempre maggiore approfondimento della cultura islamica, prevenendo il diffondersi dell’antisemitismo, dell’islamofobia e del radicalismo”.

Queste alcune delle finalità del protocollo d’intesa firmato ieri  nella sede del ministero dell’Istruzione fra la Coreis, presente con il presidente e fondatore Shaykh ‘Abd al-Wahid Pallavicini, il vice presidente Yahya Pallavicini e il direttore generale ‘Abd as-Sabur Turrini – e il Ministero dell’Istruzione, rappresentato dalla direttrice del dipartimento per l’Istruzione Lucrezia Stellacci.

Ministro residenti estero: 600mila marocchini emigrati in Italia, si insegni arabo a scuola

L’incontro si è svolto alla presenza dello stesso ministro Francesco Profumo, al quale – sottolinea una nota Coreis – “va riconosciuta una particolare sensibilità per le tematiche interculturali e interreligiose”.

L’Intesa ha ricevuto anche il patrocinio dell’Isesco (Islamic Educational, Scientific and Cultural Organization), la più prestigiosa organizzazione per la cultura e l’educazione nel mondo islamico, emanazione dell’Oci (Organizzazione della Conferenza Islamica) che raccoglie 52 Paesi musulmani.

http://www.tuttoscuola.com/cgi-local/disp.cgi?ID=29900

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -