Allarme 118 Roma: Ambulanze ferme, soccorsi a rischio collasso

9 genn – Il direttore della centrale operativa del 118 di Roma Livio De Angelis lancia l’allarme sui soccorsi sanitari nella capitale: “Da ieri sera abbiamo circa il 20% delle ambulanze ferme, bloccate ai pronto soccorso perchè lì non ci sono letti dove mettere i pazienti e devono usare le nostre barelle. Così si rischia il collasso, non abbiamo più mezzi da usare nella fascia di punta e i pochi disponibili sono destinati solo ai codici rossi”.

Tagli posti letto ospedale, piu’ colpite Lombardia, Emilia e Lazio

Sanità, 2 miliardi di tagli: meno 18mila posti letto, risparmi su protesi, valvole cardiache, pace-maker, siringhe e lenzuola

Italia taglia 2 miliardi sulla sanità e regala 1,3 miliardi all’Etiopia per “rafforzare competenze della popolazione sull’acqua”

“Complessive – spiega De Angelis – abbiamo a disposizione massimo circa 100 ambulanze per tutta la provincia di Roma e alle 12.45 ne avevamo 23 bloccate. È un problema vecchio che non dipende da noi e l’ho denunciato altre volte: abbiamo aggiunto altre barelle e ambulanze, ma anche queste in poco tempo vengono bloccate”.

“Facciamo 1.500 soccorsi al giorno e senza barelle non possiamo lavorare. Le ambulanze devono essere liberate e rese operative per assistere la gente che sta fuori l’ospedale, che non ha nessuno che la soccorre”.

“In questo momento la capacità assistenziale del 118 di Roma viene limitata enormemente e i compiti istituzionali resi con enorme difficoltà. È un problema molto serio: non possiamo intervenire sui codici meno gravi e su tutto quello che esita dal banale. Potrebbe succedere anche qualcosa che mai deve succedere”, conclude De Angelis. tmnews

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -