Roma, sindacalista nigeriano: il razzismo è un cancro nel sangue degli italiani

7 gen.  – ‘Gli immigrati abbandonano l’Italia colpita dalla recessione’, titola oggi il Financial Times, riferendo in particolare dei tanti cinesi che stanno lasciando Roma alla ricerca di “pascoli più verdi”, quali il Canada o la stessa Cina in pieno sviluppo economico.

“Molti, molti cinesi stanno tornando a casa – ha raccontato al Ft Sonia Fen, proprietaria di un ristorante, in Italia da 21 anni – non c’è lavoro. E’ una situazione terribile”.

Ma non sono solo i cinesi ad abbandonare l’Italia: un attivista sindacale nigeriano attivo a Roma, Romanus Nwaereka, ha riferito infatti dei tanti connazionali in partenza per Londra e Stati Uniti. La crisi economica è sicuramente la prima causa di tale esodo, sottolinea Nwaereka, ma anche il “radicato razzismo” della società italiana spinge tanti a preferire altre mete. “Gli attacchi di matrice razzista sono in aumento – ha detto al Ft – la comunità nera è quella che ne risente di più. E’ un cancro nel sangue degli italiani. Mi dispiace dirlo”.

Anche Fen ha dichiarato al quotidiano della City che molti italiani non si dispiaceranno per la partenza dei cinesi: “Sentiranno la nostra mancanza solo una volta che ce ne saremo andati”. In effetti gli studiosi italiani interpellati dal Ft hanno evidenziato il bisogno di immigrati di un Paese che deve tornare a crescere e che sta invecchiando: “Le economie non crescono senza un aumento della popolazione, soprattutto di quella in età lavorativa”, ha sottolineato Antonio Golini, docente della Luiss.  tmnews



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -