Roma, rissa in centro di accoglienza: mobili spaccati, 23 immigrati arrestati

6 genn – Maxi rissa tra eritrei e pakistani in un centro di accoglienza per rifugiati a Ciampino: 23 extracomunitari arrestati dalla polizia. E’ stato un alterco per futili motivi tra un eritreo e un pakistano, a scatenare la maxi rissa, che ha coinvolto i due gruppi etnici, ospiti in una struttura di Ciampino che accoglie cittadini extracomunitari in attesa del riconoscimento dello status di rifugiati politici.

Gli agenti del commissariato di Marino hanno arrestato i 23 immigrati per il reato di rissa aggravata. Erano le 19 di ieri quando il personale del centro ha chiesto l’intervento della polizia per una violenta rissa scoppiata all’interno della sala mensa.

I due uomini hanno cominciato a discutere e in breve dalle parole sono passati alle mani. La lite ha subito coinvolto i connazionali, che hanno cominciato a spaccare le suppellettili della sala utilizzandole come armi. Pakistani ed eritrei si sono scontrati con armi improvvisate, distruggendo tutto quello che si trovava nella mensa.

Quando gli agenti sono arrivati sul posto hanno trovato i due gruppi che ancora si fronteggiavano con pietre e bastoni. I poliziotti sono riusciti a sedare la lite e hanno diviso le due fazioni. Gli agenti hanno inoltre soccorso i feriti che sono stati accompagnati al vicino ospedale. Sul posto è intervenuto anche personale della polizia scientifica per documentare le devastazioni all’interno del centro.

Alla fine degli accertamenti 11 cittadini pakistani e 12 eritrei sono stati arrestati in flagranza per rissa aggravata. tmnews



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -