Profughi libici in protesta, bloccata provinciale in Val Seriana

29 dic – Gia’ nei giorni a ridosso di Natale 160 profughi ospiti della Comunita’ Ruah di Bergamo avevano chiesto di potersene andare, chiedendo del denaro per cominciare una nuova vita altrove. Soluzione difficile da attuare, visto che hanno uno status di persone accolte, ma non hanno mai ricevuto un permesso di soggiorno per motivi umanitari e nemmeno l’asilo politico

. Ai libici la Caritas ha potuto offrire solo altri tre mesi di accoglienza. La proposta non era stata accettata ed era esplosa una protesta che aveva fatto intervenire polizia e carabinieri, e si era poi tradotta in un presidio di tre giorni alla Comunita’ Ruah.

La protesta di ieri mattina e’ scoppiata invece in Val Seriana, tra i 14 profughi ospiti dell’hotel Roma di Gromo. Anche loro chiedono da tempo una risoluzione del problema, ottenendo solo di essere spostati da un albergo all’altro: da luglio a oggi sono passati da Bianzano (dove avevano gia’ inscenato una prima accesa protesta che aveva causato danni all’albergo e terrorizzato la titolare), a Lizzola e quindi a Gromo. Dove ieri alle 5,30 hanno bloccato la provinciale del’Alta Val Seriana con sedie e tavolini, interrompendo il primo traffico dei pendolari.

Quando un automobilista ha cercato di superare il blocco gliel’hanno impedito danneggiandogli anche l’auto. C’è voluto l’intervento dei carabinieri per sbloccare la situazione, ma i profughi hanno continuato a manifestare ai bordi della strada. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -