Sudafrica, Zuma: “Avere un cane non appartiene a cultura africana”, apriti cielo!

28 dic. – Il presidente sudafricano, Jacob Zuma, ha scatenato una bufera di polemiche sostenendo che avere un cane non appartiene alla cultura africana: comprare un cucciolo, portarlo fuori a spasso, pagare un veterinario per le sue cure, ha sentenziato il presidente, secondo quanto riportato dalla stampa locale, appartiene alla cultura dei “bianchi”; e non contento, ha aggiunto che possedere un cane rientra in una tendenza preoccupante dei sudafricani di colore che vorrebbero essere bianchi.

Apriti cielo: le sue parole hanno scatenato l’irritazione di tutti, bianchi e neri. Inondato di battute e osservazioni Twitter: “Zuma dice che avere cani non e’ africano. Al contrario di quelle vecchie tradizioni africane come possedere auto tedesche, borse italiane e whisky irlandesi….”, ha commentato qualcuno.

L’ufficio della Presidenza sudafricana ha cercato di rispondere alla critiche, sostenendo che Zuma aveva solo tentato di “decolonizzare la mente degli africani”. “Il messaggio voleva soltanto enfatizzare la necessita’ di non anteporre il nostro amore per gli animali sul nostro amore per gli altri esseri umani”, ha spiegato il portavoce Mac Maharaj.
“E ha fatto anche l’esempio di persone che siedono con i loro cani nell’abitacolo di un camion mentre un operaio sul retro e’ esposto al gelo o alla pioggia”.

Dunque, in sostanza, quello di Zuma sarebbe un appello al rispetto per la vita: non a caso, nelle ultime ore, il presidente sudafricano ha anche invocato “una cerimonia di purificazione nazionale” celebrata dall’Arcivescovo emerito Desmond Tutu per far tornare il Paese su un cammino di moralita’.

Intervenendo a una tradizionale cerimonia zulu di purificazione nel suo Stato, il KwaZulu-Natal, Zuma ha denunciato crimini come la strage di 34 minatori uccisi dalla polizia a Marikana o lo stupro di donne anziane. “Il nostro problema e’ che il rispetto per la vita umana si e’ quasi azzerato”, ha spiegato, “oggi c’e’ chi trova molto facile uccidere un’altra persona”.
Le cerimonie di purificazione sono un passaggio importante per molte societa’ africane, compresa l’etnia zulu di Zuma. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -