Dall’Italia 300mila euro per un’inchiesta sulle mine in Senegal

19 dic. – Terre dichiarate ‘libere da mine’ nella regione senegalese di Casamance sono state restituite alla collettivita’ grazie a un progetto coordinato dall’Undp a cui ha partecipato anche l’Italia con un contributo di 300mila euro.

La cerimonia di riconsegna e’ stata organizzata a Bounkiling, nel dipartimento di Sedhiou, dal Centro Nazionale di Azione Antimine in Senegal (Cnams) alla presenza dei rappresentanti dell’agenzia Onu, di Ong impegnate in Casamance, insieme a numerose autorita’ locali e una nutrita rappresentanza delle collettivita’ locali. Per l’Italia hanno partecipato il vice capo missione Domenico Fornara e Mariarosa Stevan, direttrice dell’Unita’ Tecnica Locale di Cooperazione.

Grazie al contributo italiano e’ stato possibile effettuare un’inchiesta completa, condotta su 73 localita‘ della regione di Sedhiou, nei dipartimenti di Goudoump e Bounkiling, che ha portato all’individuazione di 60 localita’ ‘free of mines’ oggetto della cerimonia di restituzione. Con i fondi della Cooperazione italiana e’ stata inoltre realizzata un’attivita’ di formazione dell’equipe nazionale di sminatori del Cnams. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -