Prima risoluzione Onu contro le mutilazioni genitali femminili

27 nov. – L’Assemblea generale dell’Onu ha adottato la sua prima risoluzione di condanna delle mutilazioni genitali femminili, subite nel mondo da oltre 140 milioni di donne.

La pratica dell’escissione è illegale in una ventina di paesi africani, in Europa, negli Stati Uniti e in Canada, ma non era mai stata oggetto di una condanna da parte dell’Onu. Più di 110 paesi, tra cui circa 50 africani, hanno sostenuto la risoluzione che invita gli Stati membri a “integrare le misure punitive con attività di educazione e informazione”.

ITALIA: Bimbe infibulate: genitori assolti «perché il fatto non costituisce reato»

“Non risparmieremo sforzi per raggiungere il nostro obiettivo: mettere fine alle mutilazioni genitali femminili nell’arco di una generazione. Oggi questo obiettivo appare più vicino che mai”, ha detto Cesare Ragaglini, l’Ambasciatore italiano all’Onu, uno dei protagonisti dell’impegno internazionale contro questa pratica. Ragaglini ha quindi definito la risoluzione uno “strumento potente” contro le resistenze ancore diffuse nel mondo per la messa al bando di tale pratica. “Spetta a noi ora sfruttarla nel modo più efficace”, ha concluso.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), le mutilazioni genitali femminili riguardano tra 100 e 140 milioni di ragazze e donne in tutto il mondo e questa pratica ha raggiunto negli ultimi anni anche i Paesi occidentali, come conseguenza dei flussi migratori. (fonte Afp)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -