Ilva, Confindustria: da chiusura impatto gravissimo su industria

26 nov – ” La chiusura dell’Ilva sarebbe un evento gravissimo per tutto il sistema industriale italiano, conseguente ad un vero e proprio accanimento giudiziario nei confronti dell’azienda.

C’e’ una contraddizione evidente tra il percorso delineato dall’AIA, sul quale l’Ilva stava lavorando seriamente con ingenti investimenti, e le decisioni della magistratura. Una cosa sono le responsabilita’ penali, su cui e’ importante che la giustizia segua il suo corso, altra e’ la continuita’ produttiva e aziendale, che non puo’ e non deve essere messa in discussione, cosi’ come la riqualificazione ambientale del territorio tarantino, che nessuno piu’ porterebbe avanti in caso di abbandono dello stabilimento”, cosi’ la nota della Confindustria.

Il risultato drammatico davanti al quale ci troviamo oggi e’ di privare il nostro Paese della piu’ grande acciaieria di Europa, con imponenti ripercussioni sull’occupazione e, piu’ in generale, su tutta l’economia italiana. L’Ilva di Taranto impiega direttamente quasi 12.000 addetti, che diventano piu’ di 25.000 se si considerano i lavoratori degli stabilimenti di Genova, Novi Ligure, Racconigi, Marghera e Patrica e il relativo indotto.

Il polo di Taranto ha un capacita’ produttiva di circa 10 milioni di tonnellate annue, pari ad oltre il 40% delle produzione nazionale di acciaio. La chiusura dello stabilimento puo’ mettere in ginocchio la produzione manifatturiera italiana, con pesanti ricadute anche sulle aziende acquirenti ”in buona fede”, che saranno penalizzate delle forti perdite di produzione. I costi di sostituzione sulla bilancia commerciale e gli extra costi di approvvigionamento sono, infatti, stimabili tra i 4,5 e i 7 miliardi di Euro per anno.

I costi per la collettivita’ (Cassa Integrazione, Imposte ed Oneri Sociali) saranno pari a quasi un miliardo di Euro l’anno, mentre la perdita di potere di acquisto sul territorio di Taranto e provincia e’ stimabile in circa 250 milioni l’anno”, prosegue la nota.

”E’ a questo punto necessario, da un lato, un intervento urgente del Governo e, dall’altro, che alla luce della decisione del GIP di Taranto siano rapidamente prese iniziative, affinche’ l’azienda possa essere messa nelle condizioni di continuare la produzione ed assumere precisi impegni sul percorso di riduzione dell’impatto ambientale” conclude Confindustria. asca



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -