Banca mondiale: prestiti da Bce a banche porteranno crisi profonda dal 2014

26 nov – I maxi-prestiti a tre anni concessi agli istituti di credito dalla Bce porteranno “scompiglio” nell’economia mondiale quando il debito maturerà nel 2014 e nel 2015. È il monito del capo economista della Banca Mondiale Kaushik Basu.

“È una montagna di debito e ci sbatteremo contro. Ci sarà un altro grande botto nell’economia globale nel 2014 e 2015“, ha detto Basu, nel coso di un convegno ad Helsinki, riferisce l’agenzia Bloomberg. Le misure della Bce hanno fatto “guadagnare tempo” ma “non risolvono nessuno dei problemi alla radice”, ha sottolineato l’economista indiano.

Considerando le circostanze, “non penso che la Bce avesse altre scelte a disposizione, ma quando si guadagna tempo bisogna sfruttarlo per agire, altrimenti la crisi ritornerà. E il rischio che ritorni c’e”, ha aggiunto Basu. “La situazione in Europa resterà problematica per due-due anni e mezzo”. Nello scenario migliore, ha concluso Basu, la crescita economica dell’eurozona segnerà una “stagnazione” fino al 2015 prima di riprendersi.

Le banche europee hanno ricevuto ben 1.019 miliardi di Euro (490+529=un triliardo e passa di Euro) al credito privilegiato dell’uno per cento dalla BCE.
Per poi prestarlo ai cittadini sull’orlo della bancarotta a tassi che vanno dall’11,5 al 21,5%.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -