L’aut aut dell’Ilva ai magistrati: “dissequestro o chiusura”

22 nov – “Se il sequestro preventivo dovesse permanere, pur a fronte del mutato quadro autorizzatorio, l’ovvia insostenibilita’ economico-finanziaria condurrebbe inevitabilmente alla definitiva cessazione dell’attivita’ produttiva e alla chiusura del polo produttivo”.

Lo dicono il presidente dell’Ilva, Bruno Ferrante, e l’avvocato Marco De Luca di Milano nell’istanza di dissequestro degli impianti dell’area a caldo del siderurgico presentata ieri alla Procura di Taranto. Il dissequestro, per l’azienda, e’ funzionale all’attuazione di quanto l’Autorizzazione ambientale prescrive.

Solo l’attivita’ di impresa, dice l’Ilva, “puo’ generare le risorse necessarie alla relativa ottemperanza” dell’Aia. L’Ilva fa altresi’ presente che l’assolvimento degli obblighi dell’Aia, che pone una serie di interventi ambientali e impiantistici, richiede necessariamente il ricorso al credito che “risulta impossibile in presenza di provvedimenti limitativi della proprieta’ e della gestione dello stabilimento”. Il vincolo sull’area a caldo, dice l’Ilva con riferimento al sequestro giudiziario, “diviene, da subito, economicamente insostenibile”. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -