Disordini in Giordania, Fratelli musulmani: “un avviso al re, in arrivo una primavera giordana”

leader dei Fratelli musulmani in Giordania, Zaki Bani Irsheid

15 nov – Alcuni uomini armati hanno ferito gravemente un agente di polizia in un attacco a un commissariato della capitale giordana Amman, approfittando delle proteste in atto nel Paese contro il taglio ai sussidi sui carburanti e l’aumento dei prezzi nei beni primari. Secondo la ricostruzione della polizia, gli aggressori hanno sparato da un’auto in corsa colpendo all’occhio un agente, per poi darsi alla fuga continuando a sparare.

Ieri nella città di Wasatiyeh, vicino al confine occidentale con la Siria, è avvenuto un attacco simile in cui è rimasto ucciso uno degli assalitori. Un residente della città lo ha identificato come Qais Omari, 22 anni, attivista dei movimenti giovanili giordani che prendevano parte alle proteste sui sussidi.
Ieri è stata tentata anche un’irruzione nella casa del primo ministro Abdalla Ensour nella città nordoccidentale di Salt, ma l’impresa è fallita.
Il leader dei Fratelli musulmani in Giordania, Zaki Bani Irsheid, ha definito le proteste degli ultimi giorni come “un avviso al re, affinché eviti una ripetizione delle violenze viste in Egitto e Tunisia”. “Le strade stanno ribollendo di rabbia e l’esplosione è imminente”, ha aggiunto, annunciando inoltre la volontà dei Fratelli musulmani di “creare una primavera giordana con un’atmosfera locale, il che significa riforme nel sistema, con il mantenimento della calma nelle proteste”.
Le proteste degli ultimi giorni ricordano quelle già avvenute nel 1988 e nel 1996, quando le manifestazioni erano contro gli aumenti ai prezzi di pane e altri generi alimentari decisi da re Hussein, padre dell’attuale monarca Abdullah. A causa di quelle manifestazioni, Hussein fu costretto a introdurre rapide riforme che portarono alle prime elezioni parlamentari giordane in 22 anni, alla revoca della legge marziale e al rinnovamento di un sistema multipartitico messo al bando per decenni.  (LaPresse/AP)


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -