Bologna, truffa a preti e suore inventando finte donazioni: arrestato

13 nov – Contattava le suore degli istituti religiosi e i preti delle parrocchie di Bologna, ma anche di Parma e Reggio Emilia, raccontando che era stata fatta loro una donazione da un fantomatico benefettore di Lugano, per importi variabili dai 6 mila ai 10 mila euro, ma ai religiosi chiedeva di versare su due carte prepagate somme dai 400 ai 750 euro che, a suo dire, servivano per sdoganare le somme provenienti dalla Svizzera. Una volta effettuato il bonifico sul conto indicato, i religiosi e le monace avrebbero dovuto rivolgersi alla Banca d’Italia con la ricevuta, per riscuotere la donazioni. Il tutto era pero’ una truffa.

L’uomo, che si spacciava per un funzionario delle poste o della stessa Banca d’Italia, e’ un 42enne di Bologna, disoccupato e gia’ noto alle forze dell’ordine per reati specifici, che e’ stato arrestato in flagranza di reato lo scorso 10 novembre, sotto le Due Torri, dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Bologna Centro e del Nucleo della Banca D’Italia di Bologna.

Gli uomini dell’Arma sono risaliti al truffatore, con il vizio del gioco d’azzardo e delle scommesse (ambito in cui spendeva il denaro realizzato in maniera illecita), tramite appostamenti, pedinamenti e analisi dei tabulati telefonici. L’indagine e’ partita circa 10 giorni fa, quando piu’ di una suora si e’ recata alla Banca d’Italia chiedendo del funzionario che l’aveva chiamata al telefono. Un nome inesistente che l’uomo aveva fornito alle sue vittime per farle cadere in trappola e far versare loro le cifre richieste sul conto intestato al benefettore che poi e’ risultato essere il truffatore stesso. Immediato il sospetto di truffa e l’inizio delle indagini. adnk



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -