I punti principali del comunicato finale del G20 in Messico

6 nov – Ecco di seguito i punti principali del comunicato finale del G20 dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali.

– “Il G20 si impegna a fare tutto il necessario per rafforzare la crescita dell’economia globale. La nostra attenzione sarà sul riportare fiducia e ridurre i rischi e la volatilità sui mercati internazionali; contribuire a una più veloce ripresa economica e crescita dell’occupazione; promuovere le fondamenta di una crescita forte, sostenibile e bilanciata. Siamo fermamente impegnati in scambi aperti e resistiamo al protezionismo in ogni sua forma”.

In Europa sono state adottate misure “sostanziali, incluso il lancio dell’European Stability Mechanism, l’OTR della Banca CEntrale Europea, la decisione di una singola autorità di supervisione delle banche, le riforme e il risanamento di bilancio in diversi apesi europei”.

– “La crescita globale resta modesta e restano rischi al ribasso elevati, inclusi ritardi nell’applicazione delle misure annunciate di recente, una stretta di bilancio negli Stati Uniti e una crescita debole in alcuni paesi emergenti. la riduzione degli squilibri non è stata sufficiente. Una completa e tempestiva attuazione degli impegni presi è essenziale per ridurre i rischi e assicurare una ripresa duratura”.

– La spinta alle riforme in Europa deve continuare per migliorare la “competitività e promuovere la stabilità finanziaria”. “Attendiamo con impazienza la messa in pratica delle riforme in Europa”.

– “Assicureremo che i nostri conti pubblici siano su traiettorie sostenibili“: “entro la prossima riunione le economie avanzate si sono accordate per identificare target credibili e ambizioni per il rapporto debito-pil dopo il 2016”.

– Gli Stati Uniti assicureranno la sostenibilità dei conti pubblici “calibrando attentamente” l’entità della stretta fiscale, perché una stretta troppo forte rappresenterebbe un rischio per l’economia.

– “La debolezza della crescita economica globale riflette i limitati progressi verso un riequilibrio della domanda globale”.

– Il G20 “dà il benvenuto alla continuazione del processo di rafforzamento delle risorse del Fmi per salvaguardare la stabilità finanziaria”. “Restiamo impegnati alla completa applicazione della riforma del 2010” del Fmi.

G20, Presidente Calderon: contributi al FMI oltre 430 miliardi di $

Eurozona e altri paesi UE daranno oltre 150 mld al FMI

– “Restiamo impegnati alla completa e tempestiva attuazione dell’agenda di regolamentazione finanziaria”. “Siamo consapevoli dei progressi fatti nell’attuare misure per rafforzare la resistenza del sistema finanziario e ridurre i rischi sistemici”.

– “Ribadiamo l’impegno a migliorare la trasparenza e il funzionamento del mercato delle commodity.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -