Aumenta la povertà, 3 ore di fila per un po’ di pane gratis

3 nov – . Milano. Alle 7 del mattino arrivano i primi, per lo più gli anziani. Attendono due ore prima dell’apertura. Lo sanno e fanno bene visto che, a metà mattinata, la coda arriva quasi al semaforo tra viale Toscana e via Giancarlo Castelblanco, circa 150 metri di persone una dietro l’altra.

Disastro Monti, Coldiretti: sono 3,3 milioni le persone affamate in Italia

Codacons: povertà di 8 mln di persone è una vergogna e un’infamia

Anziani, bambini, mamme, uomini, giovani, caucasici, mulatti, orientali, afro, sembra che ci sia l’umanità intera ad aspettare per un po’ di “Pane quotidiano”. Come si chiama l’associazione laica che da 114 anni aiuta i bisognosi di Milano.

Non solo pane, anche carciofi, latte, cioccolata, lattuga e quello che giorno dopo giorno i volontari dell’associazione riescono a recuperare dai benefattori.

Tutti i giorni una tonnellata di pagnotte sono lì pronte per riempire i sacchetti di quell’umanità in fila davanti alle sedi dell’onlus in viale Toscana o in viale Monza.

Fonte  www.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -