Pomigliano, Interviene la Fornero: “Fiat fermi i licenziamenti”

2 nov – Fiat fermi “l’avvio della procedura di messa in mobilità del personale” di Pomigliano. Sul caso dei 19 operai che il Lingotto ha deciso di mettere in mobilità in risposta alle decisioni del giudice del lavoro di reintegrare altrettanti lavoratori iscritti alla Fiom, interviene il governo.

A farlo, con una nota, è il ministro del Lavoro Elsa Fornero che “constata, con rammarico e preoccupazione, la novità della fattispecie che fa evolvere le relazioni industriali nel senso dello scontro e dell’indurimento della contrapposizione; la mancanza di volontà di dialogo di entrambe le parti; l’assenza di una posizione comune da parte sindacale”.

Fornero assicura quindi che “si adopererà per quanto di sua competenza per fermare l’avvitamento in una spirale nella quale tutti, dai singoli all’intero Paese, sono perdenti. Pertanto, invita la Fiat a soprassedere all’avvio della procedura di messa in mobilità del personale, in attesa della verifica di una possibilità di dialogo che non riguardi soltanto il fatto specifico, ma l’insieme delle relazioni sindacali in azienda”.

Sul caso di Pomigliano si è esperesso oggi anche il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera: “Non entro nel merito ma non mi è piaciuta la mossa che ha fatto” Fiat, ha detto ai microfoni di Sky Tg24. Comunque, ha aggiunto Passera, una “libera azienda e se la vede al suo interno”. Passera ha tuttavia precisato: “Mi è piaciuta la notizia sulla decisione di non chiudere impianti in Italia”. Come governo, nel confronto con l’azienda, ha aggiunto, “faremo il possibile perché gli impianti siano attivi e produttivi, non fermi come ora”. Il tavolo di lavoro per potenziare l’export, ha concluso il ministro, “va proprio nella direzione di rendere più competitivi gli impianti manifatturieri”. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -