Iran: migliaia in piazza contro gli Usa, bruciate bandiere

2 nov – Migliaia di iraniani si sono radunati a Teheran per la Giornata dello Studente, che ricorda l’occupazione dell’ambasciata statunitense il 4 novembre 1979. I manifestanti, radunatisi di fronte all’ex ambasciata, oggi gestita dai Pasdaran e decorata con murales antiamericani, hanno scandito slogan contro gli Stati Uniti, come “Morte agli Usa”, e hanno incendiato alcune bandiere a stelle e strisce.

Parlando alla folla, il comandante della milizia dei Basij, il generale Mohammad Reza Naqdi, ha fatto riferimento alle sanzioni imposte dall’Occidente a Teheran per il suo programma nucleare.

“La nazione iraniana ha scelto la sua strada – ha detto – e superera’ le sanzioni adottando la ‘economia della resistenza’” promossa dalla guida suprema, l’ayatollah Ali Khamenei.

Il 4 novembre 1979, un gruppo di giovani iraniani penetrarono nell’ambasciata americana e tennero a lungo sotto sequestro il suo personale. Secondo le autorita’ della Repubblica Islamica, il gesto fu una risposta a un tentativo della diplomazia americana di sovvertire l’esito della rivoluzione contro lo scia’. L’allora guida suprema dell’Iran, ayatollah Seyyed Rouhollah Khomeini, defini’ la presa dell’ambasciata come una “seconda rivoluzione”. adnk



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -