Bimbo rasato per punizione ”come agli ebrei”, 3 indagati

VICENZA, 2 NOV – I capelli rasati a zero ”come agli ebrei” – secondo la denuncia presentata dai genitori – e una croce disegnata sulla testa per non aver fatto bella figura in una gara di nuoto: e’ la punizione inflitta da due istruttori e un’atleta di una piscina del vicentino ad un 11enne.

L’episodio e’ stato denunciato con un esposto alla Procura dai genitori del piccolo. I tre sono indagati per abuso di mezzi di correzione. Un secondo esposto e’ stato presentato da un altro minore minacciato. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -