Berlusconi: non ho abbandonato l’idea di ‘staccare la spina’ al governo

1 nov – “Non faremo una campagna elettorale contro Monti. Ma siamo convinti che l’austerità imposta dall’Unione europea, a noi come ad altri Paesi, su pressione di una Germania che svolge un ruolo da Paese egemone, con un’egemonia non solidale ma egoista, abbia immesso l’economia in una spirale recessiva senza fine“.

Lo afferma Silvio Berlusconi, intervistato lunedì scorso da Bruno Vespa per il libro ‘Il Palazzo e la Piazza. Crisi, consenso e protesta da Mussolini a Monti’, in uscita per Mondadori-Rai Eri giovedì 8 novembre.

L’ex premier, prima delle modifiche apportate ieri in Parlamento alla legge di stabilità, afferma poi di non aver abbandonato l’idea di ‘staccare la spina’ al governo, convinto che si possa votare a febbraio anche portando a casa la riforma elettorale. “I tempi per una nuova legge elettorale – spiega – ci sono tutti.

Quanto alla spina da staccare, dipenderà dall’accettazione o meno da parte del governo delle nostre richieste di modifica alla legge di stabilità. Siamo dentro una spirale recessiva, dobbiamo assolutamente uscirne al più presto invertendo la nostra politica economica”.

Sulla legge elettorale, Berlusconi dice che ”è il Partito democratico che vuole”, il ‘Porcellum’, “non noi. A mio giudizio, il sistema migliore è il sistema spagnolo, che comporta un’alta soglia di sbarramento. Converrebbe anche al Partito democratico, perché privilegia i primi due partiti, funziona benissimo e garantisce la governabilità in Parlamento”. adnk



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -