Sicilia, Orlando: astensionismo clamoroso e’ morte dei partiti politici

29 ott – ”Astensionismo clamoroso, ma in qualche modo prevedibile”. Cosi’ il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando ospite a ’24 Mattino’ su Radio 24, sulle elezioni regionali in Sicilia.

”In una regione come la Sicilia che e’ abituata ad alte affluenze al voto – ha detto Orlando – si assiste e si registra la morte dei partiti politici tradizionali che non riescono piu’ ad essere punto di riferimento per le esigenze dei cittadini. Non e’ la prima volta che accade.

A maggio sono stato eletto sindaco di Palermo con il 74% dei consensi e la mia coalizione e i partiti che mi sostenevano hanno ottenuto soltanto il 14%. Questo risultato siciliano, collegato a quello palermitano di qualche mese fa, manda un messaggio alla politica nazionale chiarissimo, i partiti sono diventati strutture autoreferenziali incapaci di esprimere le esigenze dei cittadini”.

Orlando non si e’ detto sorpreso sulla possibilita’ di una vittoria del candidato del Movimento 5 Stelle: ”E’ come la palla di neve. Quando parte si sa quanto e’ piccola, ma non si sa quanto e’ grande quando arriva. Ma se anche Cancelleri arrivasse non al 27% ma al 15% sarebbe comunque un risultato clamoroso, unito, insisto, al 53% dei cittadini che non ha votato”.

Il sindaco di Palermo ha detto che qualunque sara’ il risultato, l’ingovernabilita’ della regione Sicilia e’ quasi certa: ”C’e’ una certezza di ingovernabilita’, perche’ con la legge elettorale siciliana per potere avere la maggioranza qualunque presidente ha bisogno di tre coalizioni”. asca



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -