Segno della croce vietato in asilo del Trentino

La coordinatrice pedagogica: nessuna manifestazione di fede religiosa in una scuola pubblica

28 ott – È polemica in Trentino dopo il divieto rivolto ai bambini di una scuola dell’infanzia di fare il segno della croce e recitare la preghiera prima del pranzo. La vicenda ha origine dalla decisione presa dalla coordinatrice pedagogica della scuola dell’infanzia di Frassilongo, paese di una valle del Trentino abitata dalla minoranza linguistica mochena.

La motivazione è di ispirazione laica, nessuna manifestazione di fede religiosa deve trovare spazio in una scuola pubblica. Che sia il segno della croce o qualsiasi tipo di preghiera, dice la coordinatrice.

Il diktat però non è piaciuto ai genitori che si sono rivolti ai sindaci della zona e al parroco della valle. «Non credo che si faccia alcun male se i piccoli si fanno un segno di croce», afferma il sindaco di Fierozzo, Luca Moltrer.

«Sono dispiaciuto per questo tipo di incomprensioni – aggiunge – fra l’altro non è capitato mai, finora, che in quell’asilo ci fossero bimbi di altre religioni. Quindi penso che sia importante per loro, oltre al gioco e alle attività che fa crescere le loro conoscenze, ricevere un insegnamento relativo alla fede cristiana, alla base della cultura mochena». […]

Fonte: lastampa



   

 

 

2 Commenti per “Segno della croce vietato in asilo del Trentino”

  1. theng uh salam

    Idioti !!!! Scristianizzare è il primo passo per islamizzare … levate i “segni cristiani” e vi ritroverete quelli islamici !

  2. e verissimo. io non sono christiana pero sono per lasciare croci

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -