Criminologo: “Parolisi condannato senza prove perche’ antipatico”

28 ott – “Una condanna all’ergastolo singolare ed emessa in assenza di prove schiaccianti“. “C’era bisogno di un capro espiatorio. Questa sentenza getta una luce malinconica sulla giustizia italiana”. Alessandro Meluzzi, psichiatra e criminologo, commenta con Affaritaliani.it la sentenza sull’omicidio di Melania Rea.

Non ci sono neppure indizi concordi o convergenti tali da permettere una condanna al di la’ di ogni ragionevole dubbio. Anzi in questo caso i dubbi sono parecchi, sia sulla dinamica sia sul movente che, francamente, e’ labilissimo”.

Meluzzi sottolinea “l‘assenza di corpi di reato e di prove documentali e scientifiche certe“. Ma perche’ allora Parolisi e’ stato condannato? “Perche’ e’ bugiardo, infedele e non e’ stato molto intelligente nella condotta delle vicende processuali. Parolisi e’ stato condannato perche’ sta antipatico agli italiani. Ci sarebbe voluto un quadro probatorio molto piu’ netto”.

A parere di Meluzzi, l’appello “ribaltera’ la sentenza di primo grado”, perche’ “li’ c’e’ bisogno di prove certe. L’accusa non reggera‘, cosi’ come e’ successo per il processo Meredith a Perugia. O anche se l’appello dovesse confermare la condanna, interverra’ la Cassazione”. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -