Mons. Nosiglia: adottate famiglie rom

25 OTT – Adottare una famiglia Rom o Sinti: e’ la provocazione lanciata alle chiese, ai credenti, dall’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, nella Lettera pastorale dedicata ai popoli nomadi che vivono in citta’.

Zingari con auto di lusso fanno il pieno con bancomat rubati

“Abbiate fiducia”, perche’ avere fiducia significa “non credere di risolvere i problemi della vita con la violenza o la delinquenza e l’illegalita”‘, ma piuttosto “affermare la dignita’ dei vostri popoli, quella che voi difendete con l’onore di una vita buona, rispettosa di voi stessi e degli altri”. Comincia cosi’ la lettera pastorale ‘Non stranieri, ma concittadini e familiari di Dio’ che l’Arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, dedica ai popoli nomadi, rom e sinti, che vivono in citta’.

Rivolgendosi prima di tutto ai nomadi, monsignor Nosiglia rimarca la necessita’ di superare diffidenze e divisioni del passato sottolineando che oggi “la realta’ e’ diversa, certe frontiere sono cadute per sempre. Anche per questo – sottolinea – non ha senso cercare di confinare i nomadi in un ghetto culturale”.

Poi, richiama istituzioni politiche e civili, ricordando che se molto e’ stato fatto, “il lavoro non e’ finito. Il cammino dell’integrazione e della convivenza si e’ avviato con l’accesso all’istruzione, alla salute, alle opportunita’ di lavoro, ma la vera equita’ di fonda sempre sul partire dall’ultimo e significa non scoraggiarsi mai, non lasciarsi trascinare dalla corrente del consenso. Bisogna coltivare il coraggio del futuro anche confrontandoci con il popolo nomade”.

”Chissa’ che qualcuno tra voi – scrive Nosiglia – non possa accompagnare amichevolmente, fraternamente, una famiglia a trovare casa, ad avviarsi al lavoro, a superare le difficolta”’. ”Non stranieri, ma concittadini”: cosi’ mons. Nosiglia definisce i nomadi.

“Nella crisi attuale (morale e  culturale, prima che economica) le vittime – aggiunge Nosiglia – sono soprattutto  i poveri e tra i poveri vi sono certamente i Rom e i Sinti.

Mirandola: soldi ai terremotati? No, 50mila euro agli Zingari



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -