Gaspare Sturzo: “Tre milioni di elettori siciliani sono incerti su chi votare”.

PALERMO 24 Ott – Sui contestati compensi dei deputati regionali in Sicilia, Gaspare Sturzo, il candidato politico di Italiani Liberi e Forti alle regionali, si è espresso chiaramente. “Nel programma che abbiamo presentato la prima azione è quella per il recupero delle risorse e la difesa dell’autonomia statutaria siciliana. Il primo atto da realizzare nei primi cento giorni è quello della abrogazione della legge che equipara l’Assemblea Regionale Siciliana al Senato della Repubblica. Questo consentirà l’equiparazione immediata degli stipendi dal Presidente della Regione fino all’ultimo dipendente dell’Ars alle regioni virtuose. Anticipando dunque un provvedimento, quello del Consiglio dei Ministri, che secondo me andrebbe a violare anche la autonomia siciliana, e quindi sarebbe incostituzionale, anticipando questo provvedimento con un atto di autonomia, noi equipareremmo gli stipendi a quelli delle regioni più virtuose” ha dichiarato Sturzo.

Nel frattempo i siciliani continuano a scendere in piazza, i precari degli enti locali, i forestali. Tutti dopo anni di precariato chiedono l’assunzione. La preoccupazione del posto di lavoro fa comodo perché rende le persone più disponibili a votare i candidati che fanno promesse. Questi si stanno preparando a raccogliere voti, facendo qualcosa. A giugno l’Assemblea Regionale ha approvato una legge per stabilizzare circa diciottomila cinquecento precari degli enti locali. Se però questa legge voto non sarà approvata anche dallo Stato molti precari resteranno a casa. Si distingue Sturzo dagli altri candidati, sul comportamento e sul pensiero dei quali si è potuto vedere qualcosa di significativo anche nella trasmissione andata in onda domenica scorsa, di Report condotta da Milena Gabanelli. Uno dei deputati regionali oggi candidato col Pdl, l’on. Salvino Caputo  ha riferito che del problema dei precari ci si è sempre occupati, non è quindi una legge di sapore preelettorale, e che alcuni mesi fa ha dato parere favorevole anche per la stabilizzazione dei forestali. In piazza i forestali sono invece guidati dal segretario del loro sindacato, Maurizio Grosso oggi candidato nel listino della Giovanna Marano, per la quale questa gente ha il diritto ad un processo di stabilizzazione. “Mai più un nuovo precario “ dice nel suo comizio Musumeci, anche lui ha a cuore precari e forestali. Questi ultimi giovedì scorso hanno perso poi la pazienza bloccando viale Regione Siciliana, a Palermo. Il risultato è stato che, a pochi giorni delle elezioni, sono stati  sbloccati finalmente gli stipendi che aspettavano da mesi. Tutto come copione, dunque. Ma con quali soldi verranno pagati? Con quali soldi stabilizzare i precari? “Questo lo chiederemo anche al governo nazionale” è l’idea riferita da Musumeci, candidato de La Destra. “Vanno stabilizzati con progetti produttivi  e li paghiamo utilizzando i fondi europei per il patto dei sindaci” secondo Rosario Crocetta, candidato del Pd. Miccichè ha risposto molto semplicemente: ”Non ho una lira!” Ma neanche la Sicilia e la nazione, e quindi dove trovarle? Sbattendo i pugni sui tavoli di Roma e dell’Europa sempre secondo Miccichè. “I candidati presidenti vadano richiamati ad una assunzione di responsabilità che sia all’altezza della drammaticità del momento” è la riflessione di Giovanni Fiandaca, docente di Diritto Penale a Palermo e ha lanciato una sua proposta. Quella di ridurre il numero dei deputati da 90 a 50, azzerare le spese dei gruppi e dimezzare gli stipendi dei deputati. Ma Crocetta è per non andare sotto a quelli dei parlamentari europei e non sarebbe tanto pronto ad azzerare i fondi ai gruppi dei partiti. Nello Musumeci fa presente che non dipende da lui. Gianfranco Miccichè candidato del Grande Sud, tanto per cambiare rispetto agli altri, dice che i programmi di un Presidente della Regione prescindono dai  costi della politica che sono di competenza dell’assemblea regionale. E che per quanto riguarda il ridurre il numero dei parlamentari non di pende da lui, come anche dimezzare lo stipendio dei parlamentari. Ma allora dov’è il nuovo? Il copione continua, tutto come prima. Nessuno ha pensato di proporre la soluzione di Gaspare Sturzo che abbiamo illustrato all’inizio. La gente siciliana ha tutta la comprensione per esserne stanca. In  questo contesto si inserisce l’antipolitica, che sarebbe da temere sul serio. “Io credo che l’antipolitica sia quella che sta governando la Sicilia e l’Italia – è ancora Gaspare Sturzo che ci riferisce – è un modello di sfruttamento che domina i cittadini riducendoli a sudditi. È un modello che ha sovvertito la democrazia italiana in logiche di grandi affari, di comitati per cui si vota ma poi si cambiano sulla carta i governi. Il modello Lombardo in Sicilia è un esempio abbastanza evidente, cinque diverse coalizioni in quattro anni, tutte diverse da quelle che avevano supportato la sua candidatura. Ma anche il governo Monti è assolutamente identico. Una logica emergenziale che ha fatto sì che abbiamo assistito ad un sovvertimento del voto democraticamente dato senza passare dalla volontà dei cittadini. Oggi io credo che gli unici che possono vincere sono i cittadini, quei due milioni novecento siciliani che sono incerti su cosa e se votare. La nostra campagna elettorale è diretta a loro con il nostro programma che è il programma del riscatto dei siciliani onesti.”  Se i siciliani non hanno mai cambiato politica in questi ultimi anni è perché quella politica come arte di sfruttare il prossimo e di dominarlo ha creato e conservato le condizioni di sfruttamento dei cittadini. “Tenerci tutti costantemente in uno stato di assoggettamento, di necessità, gli articolisti, i precari, i forestali, gli industriali, tutti legati a delle forme assistenzialistiche di contribuzione, senza mai risolvere nulla, senza mai creare sviluppo sostanzialmente se guardiamo al mondo del lavoro precario è l’esempio perfetto di questo- ha continuato il candidato di ILeF. Un mondo precario che in queste ore viene inondato di nuovo denaro, di nuove promesse di stabilizzazione pur sapendo che non ci sono le condizioni per poterlo fare. “Oggi i siciliani lo hanno capito, quei due milioni e novecento siciliani che non vogliono votare o non sanno cosa votare hanno capito bene che la politica di sfruttare il prossimo ha provocato soltanto danni, noi proponiamo una politica diversa, una politica di ricongiungimento tra cittadini e classe dirigente” ha concluso. Gaspare Sturzo si è visto poco a Report… perché la trasmissione era ben impiantata soprattutto sugli scandali dei politici e dei candidati eleggibili, e meno male che qualche candidato come Gaspare Sturzo ha fatto eccezione…ma mai come in questo periodo e in questa circostanza la  gente onesta, il nuovo,  deve fare notizia. Ne va il futuro dei Siciliani e del nostro paese tutto, visto che ILeF è presente non solo in Sicilia.

Vito Piepoli

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -