L’Aquila: ‘O clandestino, bellu guaglione…E’ bello ‘e faccia, è bello ‘e core:

L’AQUILA, 18 Ott – Tene ‘e capille ricce ricce…Ll’uocchie ‘e brigante e ‘o sole ‘nfaccia…
Ogne figliola s’appiccia si ‘o vede ‘e passá…Na sigaretta ‘mmocca…
Na mana dint’ ‘a sacca…e se ne va, smargiasso, pe’ tutt’ ‘a cittá…
‘O claandestino, ‘o clandestino, bellu guaglione!
‘O clandestino, o clandestino, tutt’ ‘e ffemmene fa suspirá…
E’ bello ‘e faccia, è bello ‘e core: sape fá ‘ammore…
E’ malandrino, è tentatore… Si ‘o guardate ve fa ‘nnammurá.
E na bionda s’avvelena, e na bruna se ne more…
E’ veleno o calamita? Chisto a ‘e ffemmene che lle fa?
‘O clandestino, ‘o clandestino, bellu guaglione…
E’ bello ‘e faccia, è bello ‘e core: tutt’ ‘e ffemmene fa ‘nnammurá!
Ma na rossa, ll’ata sera, cu nu vaso e cu na scusa, t’ha arrubbato anema e core! Clandestino nun si’ cchiù tu!…
‘O clandestino, ‘o clandestino’ bellu guaglione!
‘O clandestino, ‘o clandestino, tutt’ ‘e ffemmene fa ‘nnammurá…
Clandestino, clandestino…

La canzone di Carosone rivista e corretta, la cantano nell’aquilano dopo che ‘o clandestino che si è tuffato in acqua per salvare una famiglia, padre, madre ed il loro figlioletto, finita in un canale della piana del Fucino nei pressi della Provinciale 20 tra Avezzano e San Benedetto Marsi (L’Aquila). a causa di un incidente stradale. ‘O clandestino,  aveva fatto perdere le proprie tracce, ma, dopo aver ascoltato l’appello del presidente della Provincia dell’Aquila,  che, affinché si facesse vivo aveva detto: «Merita la cittadinanza»… ‘O clandestino come per incanto, è ricomparso magicamente

Infatti, dopo che il rpesidente della provincia aveva chiosato: «Merita la cittadinanza». E: «L’immigrato che ha salvato una famiglia dall’annegamento deve essere uno di quei ragazzi che lavorano nel Fucino e sono qui per necessità: ha perciò tutte le caratteristiche per rientrare nel processo di regolarizzazione in atto in questi giorni. Se si farà avanti intercederò presso la prefettura».

Inoltre ha aggiunto: «Andrà sensibilizzato il suo datore di lavoro, vedremo chi è questo ragazzo ne ha tutti i meriti. È la dimostrazione che tra gli immigrati ci sono tante brave persone». Se regolarizzazione sarà – sottolinea infine il presidente – «dovrà occuparsene il nuovo prefetto, Francesco Alecci, visto che Giovanna Lurato tra pochi giorni ci lascerà».

Ecco, questo è uno spaccato dell’Italia, di quell’Italia che nessuno vuole e che tutti dicono di voler cambiare.

Ciò che dovrebbe essere un gesto naturale, ciò che è nell’istinto delle persone vere, sane e perbene, viene enfatizzato come gesto eroico.

Ma, aldilà di tutte le considerazioni che possiamo fare, non possiamo esimerci dallo stigmatizzare le dichiarazioni del presidente della provincia.

In primis: «Merita la cittadinanza». Noi, vorremmo che lui, come tutti i buonisti de noiantri, mettessero lo spesso impegno nel fare appelli a costituirsi e a dire: «merita l’ergastolo» a quei clandestini kriminali che ubriachi o drogati alla guida di un veicolo senza patente e senza assicurazione sterminano intere famiglie  o spezzano giovani vite,  scappando e  facendo perdere le proprie tracce.

Repellente, è quando il presidente della provincia dice: «L’immigrato……..deve essere uno di quei ragazzi che lavorano nel Fucino e sono qui per necessità…». E’ lecito dedurre che il presidente della provincia li conosca tutti e non solo, pare abbia anche la consapevolezza che sono clandestini.

Infine aggiunge: «Andrà sensibilizzato il suo datore di lavoro… vedremo chi è » Da questa gravissima dichiarazione si evince invece, che non solo, conosce bene il tessuto economico e produttivo e la situazione delle aziende nel suo territorio, ma, anche il comportamento di molti di loro.

Alcune domande sorgono spontanee :1) Ma, in Italia, un clandestino non è più illegale?

2) Dare lavoro ad un clandestino non era illegale?

3) E chi dava lavoro ad un clandestino, non era un esecrabile sfruttatore?

4) Insomma, è stato abolito il reato di clandestinità e anche quello del lavoro nero?



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -