D’Alema: “Non sono finito, non sono un cane morto e qualcuno se ne accorgerà”

17 ott – “Nessuna polemica con il mio segretario”, si affretta a precisare Massimo D’Alema, ma una cosa è certa: “Non sono finito. Se c’é qualcuno che crede che io ormai sia un cane morto, credo proprio che in termini di consensi reali, nel partito e nel Paese, si stia sbagliando. E se ne accorgerà”.
E’ quanto afferma a Repubblica l’ex premeir e presidente del Copasir, che alla domanda se si candiderà o no, replica: “Valuteremo insieme, nelle sedi deputate e al momento opportuno. Quello che mi sta a cuore, adesso, è difendere la mia, la nostra storia. Noi abbiamo governato questo Paese, noi lo abbiamo portato in Europa“.
“Non è Bersani che decide” – “Non decide Bersani”, spiega poi l’ex premier sul destino della sua candidatura, “ma il partito, questo prevede lo statuto. Il segretario non mi ha assolutamente scaricato. Non è il capo che fa le liste. Bersani ed io la vediamo esattamente allo stesso modo”. D’Alema ricorda quindi che a decidere sono i dirigenti, per cui, aggiunge, con Bersani “non c’é nessun disaccordo, nessuna polemica, il segretario ed io la vediamo allo stesso modo. Il resto sono chiacchiere, illazioni”.  tiscali


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -