Confcommercio: con riforma Fornero aziende e posti a rischio

15 ott – ”Gli effetti che la riforma Fornero rischia di avere sull’intera categoria dei call center sono preoccupanti. Oggi, infatti, il mercato continua ad offrire attivita’ da svolgere, i lavoratori continuano a dimostrare il proprio interesse a svolgerle, ma l’applicazione delle norme stabilite dalla riforma, rende la cosa impercorribile e vanifica la possibilita’ di creare nuovi posti di lavoro altrimenti realizzabili immediatamente”.

Questo l’allarme lanciato da Federtelservizi-Confcommercio, Federazione dei rivenditori di traffico telefonico e degli esercenti dei servizi di telecomunicazione e delle tecnologie applicate alle telecomunicazioni, in occasione di un convegno nazionale dedicato al settore dei Call Center.

Secondo la confederazione ”tra l’altro, in mancanza di circolari applicative che, dopo tre mesi dall’introduzione della nuova legge, non sono ancora state emesse, l’applicazione della riforma Fornero del mercato del lavoro rimanda ad una contrattazione nazionale collettiva che ancora deve partire”.

Per questo – prosegue la nota – ”Federtelservizi lancia un appello alle forze sindacali ed alle altre associazioni di categoria per accelerare l’iter di negoziazione perche’ i tempi sono inconciliabili con le esigenze delle imprese.

Come gia’ richiesto prima dell’introduzione della riforma, e’ indispensabile una sospensione reale dell’applicazione delle nuove norme in attesa di condurre in porto una nuova contrattazione collettiva. Non si chiede di rivedere le norme, ma di renderle compatibili con le esigenze del mercato”. Federtelservizi non esclude nuove iniziative a difesa della sopravvivenza dell’intera categoria. asca



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -