Esodati: la Ragioneria di Stato boccia la legge “Manca la copertura”

9 ott. – La Ragioneria dello Stato ha bocciato la proposta di legge sugli esodati approvata la scorsa settimana all’unanimita’ dalla commissione Lavoro della Camera. La copertura della proposta di legge sugli esodati “risulta ampiamente insufficiente”. Questa la principale delle motivazioni addotte della Ragioneria dello Stato che ha bocciato il provvedimento approvato la scorsa settimana dalla commissione Lavoro della Camera.

Proprio sugli esodati sono tornati a parlare i leader di Cgil e Cisl durante un presidio davanti a Montecitorio. “Se con la legge di stabilita’ non saranno date risposte su reddito e lavoro, la mobilitazione proseguira’ fino allo sciopero generale”, ha avvertito Susanna Camusso. “Bisogna chiedere al Parlamento di insistere: vada avanti con la sua proposta” sull’estensione della tutela degli esodati, ha affermato la leader della Cgil. Camusso ha ribadito che e’ necessaria una “norma generale per mantenere le condizioni pensionistiche precedenti, trovando le risorse di anno in anno”.
“Se vogliono qualche idea su dove trovarle – ha concluso la leader della Cgil – facciano la patrimoniale”.

“Dobbiamo continuare con questa mobilitazione fino a che anche l’ultimo esodato non sara’ garantito dalle leggi della Repubblica preesistenti alla riforma Fornero”, le ha fatto eco il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, che si e’ presentato a sorpresa, nonostante la precedente disdetta, al presidio che si sta svolgendo davanti Montecitorio. “Le mobilitazioni stanno dando risultati – ha aggiunto Bonanni – purtroppo sono risultati che vengono lentamente, ma stanno venendo”. Il leader della Cisl ha poi voluto sottolineare che la riforma delle pensioni “non ha avuto alcuna legittimazione dalle parti sociali, visto che non c’e’ stato un confronto”. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -