Progetto ‘Salute senza barriere’ per i detenuti stranieri, 300mila euro

8 OTT – Seminari per informare sul diritto all’assistenza sanitaria del cittadino straniero e detenuto rivolti a detenuti ed operatori; formazione, anche a distanza, del personale sanitario in carcere con particolare riferimento alle patologie piu’ diffuse tra gli immigrati come quelle relative alla dermatologia, salute mentale e malattie infettive; un opuscolo informativo ed un monitoraggio dello stato di attuazione della riforma carceraria. Questi gli obiettivi previsti dal progetto ‘Salute senza barriere’, presentato oggi presso il carcere di Regina Coeli a Roma.

Il progetto e’ frutto della collaborazione tra ministero dell’Interno, ministero della Salute e Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti e il contrasto delle Malattie della Poverta’ (Inmp), e conta su un finanziamento di 300mila euro dal Fondo Europeo per l’Integrazione dei cittadini dei Paesi Terzi (FEI). Il progetto mira a promuovere l’integrazione sanitaria degli stranieri detenuti attraverso il ”pieno e consapevole accesso al Servizio Sanitario Nazionale, anche durante il periodo di detenzione”.

Si punta quindi alla crescita della consapevolezza di detenuti e operatori sul diritto all’assistenza sanitaria in carcere, sul funzionamento del SSN e sulla conoscenza della riforma della medicina penitenziaria, oltre che a realizzare una mappatura dello stato di attuazione del trasferimento delle competenze della salute in carcere dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap) al SSN.

L’iniziativa ha durata annuale e coinvolge 9 Istituti di pena e relative ASL, in altrettante Regioni del Nord, del Centro e del Sud Italia. La presenza di detenuti stranieri, ha sottolineato il vice capo Dap Luigi Pagano, ”tocca punte del 60% in alcune realta’; cio’ comporta varie problematiche di intervento, anche in relazione a patologie che da tempo non si rilevavano come, ad esempio, la Tbc. Questo progetto assume dunque un particolare significato, anche rispetto – ha rilevato – all’obiettivo di monitorare lo stato della riforma carceraria che e’ ancora a macchia di leopardo sul territorio”. La Sicilia, ad esempio, non ha ancora recepito il passaggio di competenze. (ANSA).



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -