Giornalisti arrestati a Cuba, “avevano visto turistico”

(AGI) – L’Avana, 29 set. – Avevano il visto turistico ma svolgevano “tutt’altra attivita'”: per questo sono stati fermati a Cuba quattro giornalisti italiani che si erano recati nell’isola per un’inchiesta sul duplice omicidio di Lignano Sabbiadoro. Si tratta di Ilaria Cavo e Fabio Tricarico di Mediaset, Domenico Pecile del Messaggero Veneto e Stefano Cavicchi, fotografo del Corriere della Sera.

“Sono entrati come turisti e poi hanno svolto irregolarmente il loro lavoro”, hanno riferito alla Efe fonti diplomatiche italiane riportando una spiegazione delle autorita’ cubane. I tre cronisti, ai quali si aggiunge il fotografo del Corriere, “sono liberi ma a disposizione delle autorita'” e hanno passato la notte a Camaguey, circa 550 km dall’Avana.

Il processo per direttissima nei confronti di tutti e quattro, riferisce il Messaggero veneto, e’ cominciato nel primo pomeriggio di oggi. I quattro avevano incontrato Reiver Laborde Rico, fratello 24enne e presunto complice di Lisandra, la giovane che ha confessato gli omicidi di Paolo Burgato e Rosetta Sostero del 19 agosto.

Il giovane, secondo quanto appare nell’intervista sul sito del Messaggero Veneto, aveva negato che lui o sua sorella fossero coinvolti nel delitto (“Quella e’ opera di gente con le palle, lei non ne sarebbe mai stata capace, e’ stata minacciata”) e aveva detto di essere rientrato a Cuba perche’ stava per nascere il suo secondo figlio, venuto alla luce il 24 agosto.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -