“Prove tecniche di elezioni. In caso di risultato insoddisfacente, si ricomincia”.

Condividi

 

10 sett – Ci stiamo avviando, a grandi passi, verso le elezioni ipotizzando che il 35% degli elettori aventi diritto resterà a casa e circa un 16% voterà Grillo.
Il conto della serva fa 51%.
In soldoni, le sorti dell’Italia restano affidate al 49% degli aventi diritto al voto.
Per un Paese, che fino ad alcuni anni fa soleva recarsi al voto cavalcando percentuali over 80, la prospettiva è foriera di molte incertezze.
Per non parlare poi della nuova legge elettorale, ammesso che si arrivi a vederla pubblicata in Gazzetta, dove si annidano le speranze e le paure di ciò che resta della politica.
Tra una bersanata, una casinata e una renzata, brilla per la sua irrilevanza quel 18-20% attribuito dai sondaggisti al Pdl, non si sa ancora se figlio o nipote del Cavaliere.
Insomma, chi ci capisce è bravo.
Un grande cartello dovrebbe essere affisso all’ingresso dei seggi, con questa dicitura:”Prove tecniche di elezioni. In caso di risultato insoddisfacente, si ricomincia”.
Avanti di questo passo diventeremo, magari tra un secolo, degli elettori perfetti.
guglielmo donnini

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -