Riccardi: porre argine a odio razziale sul web, colpire seminatori di odio

Condividi

 

5 sett – “In Italia stanno crescendo pericolosamente fenomeni di razzismo e di intolleranza, e una particolare recrudescenza si registra su Internet. Il rischio è che in momenti di crisi economica possa scatenarsi una vera e propria caccia al capro espiatorio: lo straniero, l’immigrato, il diverso, l’ebreo, il rom. Del resto non sarebbe la prima volta nella storia”.

Lo denuncia il ministro della Cooperazione internazionale e l’Integrazione Andrea Riccardi che, intervistato dall’Adnkronos, annuncia che per “porre un argine all’odio razziale sul web” e “colpire i seminatori di odio e di violenza” “abbiamo intavolato una discussione con il ministro della Giustizia Paola Severino.

Il ministro punta il dito contro i rischi del web, “uno strumento che sembra garantire agli autori di questi reati una maggiore impunità”. E lo fa anche alla luce di un Rapporto, presentato da un gruppo di associazioni italiane alle Nazioni Unite, diffuso di recente, in cui si denuncia la preoccupante diffusione nel nostro Paese all’odio razziale, specialmente nei confronti di rom e sinti, nonchè un incremento del razzismo diffuso attraverso Internet e i social network. Un fenomeno confermato anche dai dati dell’Unar, l’ufficio antidiscriminazioni del governo, che vanno nella stessa direzione. adnk

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Riccardi: porre argine a odio razziale sul web, colpire seminatori di odio”

  1. C’e’ ancora gente che fomenta odio razziale perpetrando sempre gli stessi errori… antiislamici, antiimmigrati, antiomosessuali, anti umanita…..

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -