Carcere di Sanremo: Rissa tra detenuti, ferito un agente

29 ago. – Rissa tra detenuti nel carcere di Sanremo. Ieri mattina, intorno alle 9.30 -riferisce il segretario regionale della Uil Pa Penitenziari Liguria, Fabio Pagani- durante l’ora d’aria con accesso al campo sportivo, e’ scoppiata una rissa tra una quarantina di detenuti di nazionalita’ italiana e magrebina. Nella concitazione del momento, ad avere la peggio anche l’agente addetto alla sorveglianza, raggiunto da alcuni colpi che gli sono stati inferti con un piede di un tavolino.

Carceri, Sappe: oltre 23mila detenuti stranieri, scontino pena in Paesi d’origine

L’agente, prosegue Pagani, ”e’ in Pronto Soccorso per ricevere le cure del caso. Al collega esprimiamo la piu’ viva solidarieta’ e la nostra sincera vicinanza”. ”Il carcere di Sanremo rischia di collassare da un momento all’altro -denuncia la Uil Pa Penitenziari- oggi ha raggiunto una quota di 337 presenze detentive rispetto a una capienza regolamentare di 209. Quindi con una percentuale di sovraffollamento che supera il 53%”.

”Purtroppo -fa notare Pagani- ad aumentare le difficolta’ interviene la scopertura dell’organico dei baschi azzurri di circa 80 unita’. Questo determina per il personale la mancata fruizione dei diritti elementari quali congedi e riposi oltreche’ determinare carichi di lavoro insostenibili e turni di servizio massacranti”.

”Piu’ volte -sottolinea il segretario regionale della Uil Pa Penitenziari- abbiamo chiesto al provveditore e al direttore di calendarizzare incontri con le organizzazioni sindacali per verificare un percorso condiviso di soluzioni possibili”.

”Purtroppo -fa notare Pagani- la nota idiosincrasia dell’amministrazione regionale al confronto sindacale finisce per aggravare le condizioni di lavoro del personale con gli effetti di cui siamo costretti a raccontare”.

”Evidentemente -conclude- gli impegni del Capo del Dap a sollecitare il provveditorato della Liguria a maggiori e migliori rapporti con il sindacato sono caduti nel vuoto. Sempre che quelle sollecitazioni siano state effettivamente poste in essere”. (Adnkronos)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -