Luce: aziende pagano 10 mld in piu’ l’anno rispetto a media UE

25 AGO – Lombardia e Milano in vetta alla classifica di regioni e province italiane con la bolletta elettrica piu’ costosa a carico delle aziende. Emerge da un’analisi Confartigianato che misura lo spread Italia-Ue per i costi della luce.

Dal 2009 al 2011 i prezzi sono aumentati del 17,4%.

Crisi economica per 28 milioni di italiani, Corrado Passera: Per le rinnovabili 160 miliardi di euro

Lo scorso anno, gli imprenditori italiani hanno pagato 10.077 miliardi di euro in piu’ rispetto alla media Ue. Il conto piu’ salato tocca alle aziende del Nord che complessivamente nel 2011 hanno sborsato per la luce 5.848 mln in piu’ rispetto ai colleghi Ue.

La regione piu’ penalizzata – dice la Confartigianato – e’ la Lombardia, con 2.289 milioni di euro di maggiori costi rispetto alla media Ue, seguita dal Veneto con un gap di 1.007 milioni di euro, dall’Emilia Romagna con 904 milioni e dal Piemonte con 851 milioni.

La classifica provinciale vede al primo posto, per il piu’ ampio divario di oneri per le imprese rispetto all’Europa, Milano, con un gap di 555 milioni di euro, seguita da Brescia (467 milioni euro), Roma (447 milioni euro), Torino (343milioni euro), Bergamo (293 milioni euro).

Se, in media, ogni azienda italiana paga l’energia elettrica 2.259 euro all’anno in piu’ rispetto agli imprenditori europei, questo gap si allarga a 4.108 euro per ogni impresa del Friuli Venezia Giulia, a 3.471 euro per ciascuna impresa della Sardegna, a 2.791 euro per ogni azienda della Lombardia, a 2.752 euro per ciascuna impresa della Valle d’Aosta. A seguire, per un imprenditore dell’Umbria il divario e’ di 2.654 euro l’anno, mentre per ogni impresa del Trentino Alto Adige il gap annuo e’ di 2.601 euro.

Rinnovabili, Passera: incentivi pesano su bolletta 200 miliardi

Rinnovabili – Conti: Fotovoltaico Costa 140 miliardi a Cittadini Italiani

In Italia la corsa dei prezzi dell’elettricita’ per uso industriale sembra inarrestabile: tra il 2009 e il 2011 sono aumentati del 17,4%, a fronte del +9,5% registrato nell’Eurozona. Tra il 2010 e il 2011 i rincari si sono attestati all’11%, mentre nell’Ue si sono fermati al 5,9%.

Tutto cio’ non ha fatto che allargare la distanza tra il nostro Paese e l’Europa: nel 2009 il gap per il costo dell’elettricita’ era del 26,5%, per salire al 29,4% nel 2010 e al 35,6% nel 2011. A gonfiare la bolletta energetica delle imprese contribuisce la pressione fiscale, che incide per il 21,1% sul prezzo finale dell’elettricita’.

Il costo dell’energia elettrica per uso industriale – sottolinea il Presidente di Confartigianato, Giorgio Guerrini – e’ una delle tante zavorre che frenano la corsa delle imprese italiane, uno dei tanti oneri che riducono la nostra competitivita’ rispetto ai competitor europei. Anche su questo fronte chiediamo al Governo di agire in fretta per cominciare ad avvicinarci agli standard degli altri Paesi dell’Ue”. (ANSA).



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -