Migliaia di storni a Firenze. Falchi in azione per cacciarli

23 ago. – Piazza Dante a Borgo San Lorenzo (Firenze), è da tempo invasa da migliaia di storni, quasi come nel celebre film ‘Uccelli’ di Alfred Hitchcock.

Falliti i dissuasori acustici, fallite le battute di caccia a salve, l’amministrazione del Comune mugellano ha deciso di chiamare i falconieri, che hanno fatto entrare in azione falchi e poiane nella speranza di liberarsi dalle migliaia di volatili che hanno scelto la piazza come luogo di soggiorno.

Più che ucciderli, falchi e poiane si stanno librando nel cielo e infilando tra gli alberi della piazza per spaventare gli storni. Ma questi, dopo qualche ora, ritornano. Ci vorrà del tempo, spiegano i falconieri, perché gli storni capiscano che la piazza è diventata un luogo inospitale.

L’obiettivo è di rispedire i volatili nelle campagne, da cui provengono. Oltre a sporcare con il loro guano la piazza e i monumenti, la presenza di così tanti uccelli è anche pericolosa per la salute dei cittadini. Le feci, presenti in grosse quantità sotto gli alberi scelti come dormitori, possono favorire la diffusione di alcune malattie virali, parassitarie e batteriche, oltre che a costituire un pericolo per l’incolumità dei passanti, in particolare se anziani o bambini, maggiormente esposti al rischio di cadute.

Il Comune proseguirà comunque anche con le operazioni di sparo a salve, di competenza della polizia municipale. Falchi e poiane potrebbero restare in azione per alcune settimane. (Adnkronos)

E.Romagna, Coldiretti: gli storni distruggono agricoltura, peggio delle cavallette

Milioni di euro i danni causati dai cinghiali agli agricoltori

Sbranati 3 vitelli e 28 pecore, allarme lupi nel pesarese



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -