Moody’s: insufficienti le riforme di Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna

21 ago. (TMNews) – Le riforme adottate dai paesi periferici dell’Eurozona (Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna) hanno permesso di migliorare la loro situazione economica, ma ci vorranno anni per la risoluzione completa dei loro problemi. E’ il giudizio dell’agenzia di rating Moody’s che, nel comunicato di presentazione di uno specifico rapporto segnala la lunghezza di tale processo.

“La messa in opera di un certo numero di riforme strutturali da parte dei paesi periferici della zona euro ha permesso dei miglioramenti, ma – sottolinea l’agenzia Moody’s – non ha ancora risolto totalmente gli squilibri esterni che si sono sviluppati in tali paesi prima della crisi” della zona euro. La correzione è nel migliore dei casi solo completa per metà nei Paesi in questione e potrebbe durare più anni”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -