Pussy Riot non chiedono grazia a Putin: “Che vada all’inferno”

20 ago. (TMNews) – Le tre componenti della band punk Pussy Riot, condannate a due anni di carcere per aver cantato una preghiera dissacratoria  nella cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca non chiederanno la grazia al presidente. “Le nostre clienti non chiederanno la grazia” ha detto il loro avvocato Nikolai Polozov.

Pussy Riots: traduzione non “purgata” della canzone in cattedrale

“Letteralmente le loro parole sono state: che vadano all’inferno con la loro grazia” ha aggiunto. Le tre musiciste Maria Alekhina, Nadezhda Tolokonnikova e Ekaterina Samutsevich venerdì sono state ritenute colpevoli dal tribunale di “teppismo motivato da odio religioso” per la loro performance nella cattedrale di Cristo Salvatore del 21 febbraio scorso e condannate a due anni di carcere. La sentenza è stata definita ‘sproporzionata’ da Washington e Bruxelles. Polozov ha detto che la difesa intende presentare appello non appena avrà copia del verdetto.

Le Pussy Riot sono in carcere, ma sul web c’è nuova canzone contro Putin



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -