Santori: razzismo al contrario, oltre 28% del sociale a nomadi e immigrati

18 ago – ”Non possiamo dare corso ad una politica che sdogani una sorta di razzismo al contrario e opprima le fasce gia’ deboli dei cittadini romani, finendo cosi’ con l’esporsi al rischio di fomentare una guerra tra poveri.

Le cifre previste per le politiche sociali nel bilancio che l’assemblea capitolina andra’ a votare a settembre ammontano a quasi 190 milioni di euro, con 29 milioni di euro in piu’ rispetto al 2011. Ma di questi soldi oltre il 28% finira’ in un modo o nell’altro per l’assistenza di nomadi e immigrati, che, dati Istat alla mano, rappresentano una minima parte della popolazione”. Lo dichiara, in una nota, il consigliere di Roma Capitale e membro della commissione Politiche sociali, Fabrizio Santori.

”Sono infatti circa 50 milioni di euro i soldi stanziati a vario titolo per gli stranieri: 17.280.000 sono per i servizi agli immigrati, cui si aggiungono 17.320.000 euro che Roma Capitale riceve dalla Protezione civile nazionale per assistere gli immigrati dal Nord Africa, e ancora 10.880.000 per servizi e gestione campi nomadi, piu’ 4 milioni, circa la meta’ dell’intera cifra, per l’assistenza alloggiativa – aggiunge Santori. Le cifre dell’assistenza agli stranieri, inoltre, sono certamente piu’ alte e sfiorano il 40 per cento, se teniamo conto del fatto che usufruiscono anche di altre forme di assistenza e di progetti vari finanziati dal Campidoglio o dai singoli Municipi”.

”Votare un bilancio in queste condizioni e’ a dir poco imbarazzante -conclude Santori -, e’ necessario fare chiarezza e capire cosa c’e’ dietro il mondo degli immigrati e dei nomadi, controllando meticolosamente che ogni spesa sia effettuata secondo criteri di trasparenza, economicita’ e, soprattutto, di legalita”’. asca



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -