La “pressione fiscale” è apostrofo nero tra le parole “ti conduco al cimitero”

17 agosto – “Dante” Monti ha così recitato fiscalmente per noi:

“PER ME SI VA NE LA CITTÀ DOLENTE,
PER ME SI VA NE L’ETERNO DOLORE
PER ME SI VA TRA LA PERDUTA GENTE.
GIUSTIZIA MOSSE IL MIO ALTO FATTORE:
FECEMI LA DIVINA POTESTATE,
LA SOMMA SAPIENZA E
‘L PRIMO AMORE
DINANZI A ME NON FUOR COSE CREATE
SE NON ETTERNE , E IO ETTERNO DURO ,
LASCIATE OGNI SPERANZA O VOI CH’ENTRATE.”.

Chiunque, solo per un attimo, avesse creduto alle speranze accese da “Repubblica” è stato servito, di pelo e contropelo , presso il famoso salone “Mariuccio da Varese”.
Cos’è mai la “pressione fiscale”, se non un apostrofo nero tra le parole “ti conduco al cimitero”?
Evviva i burosauri allo sgovermo del Paese!

guglielmo donnini



   

 

 

1 Commento per “La “pressione fiscale” è apostrofo nero tra le parole “ti conduco al cimitero””

  1. Theng Uh Salam

    al posto di “Giustizia” ci và “speculatio”

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -